Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.277,23
    -465,59 (-1,34%)
     
  • Nasdaq

    13.337,88
    -63,97 (-0,48%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2177
    +0,0043 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    45.925,52
    -1.473,00 (-3,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.494,28
    +1.251,60 (+515,74%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.145,90
    -42,53 (-1,02%)
     

Patuanelli: sostegno reddito agricoltori in prossimo dl Sostegno

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 apr. (askanews) - "Tra i tanti settori danneggiati dalla pandemia in modo asimmetrico c'è senz'altro l'agricoltura, in particolare tutto il comparto relativo ai lavoratori stagionali. Da Ministro voglio garantire ai sindacati il massimo impegno nel dialogo e il sostegno alle richieste". Lo scrive sul proprio profilo Facebook il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, nel giorno in cui i sindacati Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno annunciato per il 30 aprile prossimo uno sciopero generale dei lavoratori agricoli che chiedono al Governo ristori per i danni subiti, oltre a una serie di richieste specifiche del settore.

Patuanelli elenca "quattro elementi cardine da cui partire": innanzitutto "un sostegno al reddito da inserire nel prossimo decreto sostegni, per eliminare ogni inaccettabile disuguaglianza"; l'apertura di un tavolo di discussione sugli ammortizzatori sociali per i lavoratori agricoli, "su cui c'è già la disponibilità del Ministro Orlando". Ancora, spiega il ministro, "sul tema, è opportuno dotare anche il settore della pesca e acquacoltura di questi strumenti". Infine, Patuanelli assicura "l'impegno a non tramutare in mera formalità la condizionalità sociale contenuta nella nuova PAC, vanno infatti pienamente garantiti i diritti dei lavoratori".

"Quattro elementi - conclude il ministro - su cui saranno concentrati nelle prossime settimane gli sforzi del Ministero e che abbiamo il dovere di perseguire per riequilibrare parte di quelle asimmetrie che il Covid ha reso palesi".