Italia Markets open in 7 hrs 18 mins

Patuanelli: Whirlpool non rientra nel caso di delocalizzazione

Gab

Roma, 13 nov. (askanews) - "Whirlpool non rientra nel caso di delocalizzazione. E' un caso di riduzione della produzione con cessione di un ramo d'azienda. Non è il caso in cui c'è una delocalizzazione fuori Ue che porta alla restituzione di tutti gli incentivi pubblici ricevuti nel passato e una sanzione dal doppio al quadruplo dell'importo ricevuto". Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, ha risposto così nel corso del Question time a un'interrogazione in merito alle multinazionali che delocalizzano extra Ue.

"La misura prevista dal decreto dignità - ha spiegato - si misura anche in funzione alla sua forza deterrente per operazioni come queste. Nell'erogazione degli incentivi fanno la valutazione di quanto fatto dall'azienda anche in termini di delocalizzazione ma soprattutto nella predisposizione dei bandi per gli incentivi pubblici viene inserita la clausola che se ci fosse la delocalizzazione" subentra " la retrocessione del contributo ricevuto e la sanzione dal doppio al quadruplo. Quindi, ha sottolineato il ministro, "l'effetto deterrente è tale che non è stato ancora applicato perché nessuna impresa che ha ricevuto contributi pubblici ha delocalizzato extra Ue".

"Anche nel caso di Mittal - ha chiarito Patuanelli - non si tratta di una delocalizzazione ma fa una restituzione alla società proprietaria con una rescissione del contratto d'affitto".