Italia Markets open in 2 hrs 6 mins

Paura Recessione Stati Uniti: giù la domanda di Bitcoin

Federica Pace
 

L' oro continua ad essere considerato il bene “rifugio” per gli investitori, specie quando il quadro economico è piuttosto incerto.

In questo periodo di titubanza, di incertezza e di instabilità, acuita dalla guerra commerciale USA-Cina, il Bitcoin non è ancora riuscito a conquistare la fiducia dei grandi investitori.

Paura Recessione Stati Uniti: focus sullo scenario macroeconomico

Gli economisti di tutto il mondo sono preoccupati di un’imminente recessione economica , che partirà dagli USA.

Infatti, il debito pubblico degli Stati Uniti d’America è salito alle stelle negli ultimi anni.

Gli investitori stanno investendo nell’oro, obbligazioni, ecc. E le criptovalute? Nonostante l’entusiasmo iniziale, purtroppo, il Bitcoin non è riuscito a conquistare il titolo di bene “rifugio” su cui investire capitali durante i periodi di recessione economica.

All’inizio di questa settimana, come da calendario dei market movers, l’ U.S. Institute of Supply Management ha pubblicato l'indice di produzione statunitense, che è sceso al 47,8%, il valore minimo in dieci anni.

Un dato inferiore a 50 evidenzia una forte contrazione nelle attività manifatturiere. Ciò ha ulteriormente acuito la probabilità di una ventura recessione economica.

L’analista Holger Zschaepitz ha twittato che i dati sulla curva dei rendimenti suggeriscono una maggiore probabilità di rischio recessione economica del 60%.

Il rischio di recessione negli Stati Uniti è aumentato. Se misurata con gli ultimi dati economici, la probabilità di recessione entro i 12 mesi è superiore al 40%, la curva dei rendimenti indica una probabilità del 60%, solo le azioni e le obbligazioni societarie non segnalano un aumento del rischio.

I mercati azionari globali, intanto, hanno già iniziato a reagire alla minaccia della recessione economica.

La media industriale di Dow Jones è scivolata di 450 punti, negli ultimi due giorni, da quando sono stati pubblicati i dati di produzione.

Paura Recessione Stati Uniti d’America: cresce la domanda del prezioso

Mentre i mercati azionari stanno assistendo a continue pressioni, la domanda di oro è aumentata notevolmente.

Nelle ultime 48 ore, il prezzo dell'oro è salito da $ 1460 a $ 1500.

Secondo David Roche , l’oro potrebbe sfiorare i $ 2000 entro il 2020: ciò suggerisce un enorme aumento del 33% rispetto ai livelli attuali.

Manca la domanda di Bitcoin

Nonostante l’instabilità dello scenario macroeconomico, manca la domanda di Bitcoin, che è precipitata di oltre il 20% nelle ultime due settimane.

Anche il lancio di Bakkt dell'ICE non è riuscito ad attirare i capitali degli investitori istituzionali globali.

Molti investitori e esperti di criptovaluta hanno sempre ritenuto che il Bitcoin sarebbe stato un bene rifugio sicuro, in caso di instabilità e recessione economica.

Ma sembra che rispetto al metallo giallo, le valute digitali siano ancora lontane dal conquistare la massima fiducia degli investitori.

Per il prossimo futuro le cose potrebbero cambiare, ma per ora, la mancanza di interesse per l’oro delle criptovalute, il Bitcoin, non lo rende un asset “rifugio” come il prezioso “giallo”.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online