Italia markets open in 4 hours 16 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.756,37
    -31,17 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    15.445,38
    -96,00 (-0,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    366,69
    -13,17 (-3,47%)
     
  • HANG SENG

    26.562,08
    -5,60 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Pausa di riflessione dopo il rally da vaccino

Investimenti Bnp Paribas
·1 minuto per la lettura

Pausa di riflessione per i mercati dopo il rally di inizio settimana innescato dal vaccino di Moderna. Ieri l'indice Ftse Mib di Piazza Affari ha superato il muro dei 21.000 punti, mentre a Wall Street il Dow Jones e l'S&P500 hanno chiuso a nuovi valori record. Questa mattina però l'azionario asiatico non ha replicato l'euforia da vaccino muovendosi in ordine sparso intorno alla parità. Da segnalare che Tokyo ha terminato con un progresso moderato (+0,4%) ma sui nuovi massimi storici. E' infatti la prima volta dal 1991, ovvero in 29 anni, che l'indice Nikkei chiude al di sopra dei 26.000 punti. Ieri la società americana di biotech ha annunciato che, dai dati preliminari relativi alle sperimentazioni fin qui effettuate, risulta che il suo candidato vaccino anti-Covid ha una efficacia superiore al 94%. Proprio la scorsa settimana, il colosso farmaceutico Usa Pfizer aveva scatenato un poderoso rally sui mercati sottolineando come il vaccino a cui stava lavorando con la tedesca BioNTech avesse un'efficacia superiore al 90%. Gli annunci sui vaccini offrono agli investitori la speranza di un rapido ritorno alla normalità. Una prospettiva che si confronta con la progressione continua dell'epidemia negli Stati Uniti, dove i 250mila morti potrebbero essere raggiunti prima della fine della settimana.

APPUNTAMENTI ECONOMICI

In uscita oggi la produzione industriale e la bilancia commerciale in Italia. Ma l'attesa maggiore è per l'indice Zew che misura la fiducia delle imprese tedesche a novembre. Nel pomeriggio dagli Stati Uniti giungeranno le vendite al dettaglio e la produzione industriale.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online