Italia Markets closed

Pensioni, Anief: Quota 102? E' una polpetta avvelenata -2-

Red/Gab

Roma, 13 gen. (askanews) - "Riteniamo la proposta offensiva per i lavoratori italiani - prosegue il presidente del sindacato autonomo - perché si sta semplicemente tentando di poterli mandare in pensione sempre più tardi e con assegni quasi dimezzati rispetto a chi ha lasciato l'attività lavorativa solo pochi anni fa. Invece di agire legislativamente sulla riforma Fornero, si stanno strategicamente escogitando dei modelli di anticipo irricevibili: un lavoratore con oltre 35 anni di contributi ha pieno diritto di andare in pensione, senza essere per questo vessato da norme inique. L'assegno di coscienza non deve prevedere ricalcoli perdere e i gli attuali 62 anni minimi di 'Quota 100' non vanno toccati".

"È bene anche - continua il sindacalista autonomo - che la Commissione tecnica sulla previdenza, che secondo la Legge di Bilancio 2020 si dovrà costituire entro fine mese per rivedere i lavori gravosi oggi limitati a 11, allarghi al più presto le categorie da considerare come tali. Prevedendo come gravoso anche l'insegnamento a tutti i livelli, non solo quello della scuola dell'Infanzia, come del resto indicato più recenti indagini scientifiche sullo stress da lavoro correlato, partendo dal fatto che stiamo parlando di una professione particolarmente incline a determinare stress e burnout, oltre il fatto che in Italia abbiamo personale docente piu' vecchio al mondo. Chi insegna in Italia dovrebbe andare in pensione a 58 anni e con l'80 per cento dell'ultimo stipendio, con una tassazione agevolata al 20% come in Germania dove però a fine carriera si guadagna persino il doppio".