Italia markets open in 1 hour 59 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.338,60
    -79,91 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1755
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    11.295,25
    +24,54 (+0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,77
    -9,92 (-3,64%)
     
  • HANG SENG

    24.548,26
    -160,54 (-0,65%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Pensioni, Ape social e Opzione Donna: le novità

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Proroga dell'Ape sociale e di Opzione Donna per il 2021; avvio del part time verticale per l'accesso alla pensione; ampliamento del contratto di espansione; semestre di assenso per l'accesso alla previdenza complementare. Sono questi, a quanto riferiscono i sindacati, i temi che sicuramente saranno inseriti nel ddl di bilancio come spiegato dal ministero del Lavoro nel corso del round tecnico con Cgil, Cisl e Uil. Al momento mancherebbe l'estensione della 14esima alle pensioni in essere fino a 1.500 euro mese così come ancora non si sarebbe chiarita la partita sui lavoratori precoci, gli esodati e quella relativa all'isopensione.

Ancora da definire anche la partita relativa alla pensione anticipata con almeno 41 anni di contributi per i lavoratori fragili. Da parte del ministro Catalfo, infatti, riferiscono i sindacati, c'è stato solo l'impegno ad approfondire la questione con il Mef. Ma l'impegno più importante, è quello assunto dal governo relativamente allo studio su come "sterilizzare gli effetti negativi alla luce della riduzione del Pil sul montante contributivo delle pensioni". Quanto all'isopensione il ministero del Lavoro sembrerebbe orientato a confermare ma solo per il 2021 lo scivolo previsto di 7 anni in attesa della maturazione del diritto alla pensione (tornerebbe a 4 anni dal 2022) oltre a studiare la possibilità di includere la Naspi sia nell'isopensione cje nel contratto di espansione.