Italia markets open in 1 hour 46 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.327,90
    -90,61 (-0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1755
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    11.281,14
    +10,44 (+0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,80
    -9,89 (-3,63%)
     
  • HANG SENG

    24.583,21
    -125,59 (-0,51%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Pensioni, Corte Conti: verificare sostenibilità spesa Quota 100

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 22 set. (askanews) - Verificare la sostenibilità della spesa pensionistica sul lungo periodo vista l'introduzione di Quota 100. E' quanto emerge dalla relazione della Corte dei Conti sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell'Inps per l'esercizio finanzio 2018. "In un sistema pensionistico a ripartizione ed in cui la maturazione del diritto alla pensione prescinde dal regolare versamento dei contributi nel corso della vita lavorativa, va verificata - ha spiegato la Corte dei Conti - la sostenibilità della spesa nel lungo periodo e agli effetti che sulla adeguatezza delle prestazioni produrranno le azioni normative poste in essere nel presente, vanno altresì considerate le conseguenze di dette azioni sulla sostenibilità del modello da parte del sistema produttivo, sia con riguardo al contributo richiesto alla fiscalità generale, che nei confronti dei soggetti tenuti al versamento della contribuzione". "In un sistema previdenziale che eroga ancora gran parte delle prestazioni ad elevata componente retributiva, peraltro, misure ampliative della spesa attraverso l'anticipo dell'età di pensionamento rispetto a quella ritenuta congrua con l'equilibrio attuariale e intergenerazionale, il blocco dell'indicizzazione dell'età di uscita dal lavoro alla speranza di vita e la reintroduzione del sistema delle finestre, comportano sia esigenze di cassa immediate (tipiche, come detto, di un meccanismo a ripartizione), sia debito implicito, in quanto la componente retributiva del trattamento non viene corretta per tener conto della maggiore durata della prestazione".