Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.381,35
    -256,37 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,26 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,14 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.519,18
    -179,08 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    52,04
    -1,53 (-2,86%)
     
  • BTC-EUR

    30.201,77
    +103,99 (+0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    701,93
    -33,21 (-4,52%)
     
  • Oro

    1.827,70
    -23,70 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.573,86
    +77,00 (+0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,55
    -41,82 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8887
    +0,0010 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0759
    -0,0034 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5369
    +0,0008 (+0,05%)
     

Pensioni, da Quota 100 a Quota 102

Redazione
·1 minuto per la lettura
Pensioni, da Quota 100 a Quota 102
Pensioni, da Quota 100 a Quota 102

Al termine del 2021 scade Quota 100. Tra le ipotesi per garantire una nuova flessibilità spunta Quota 102: l’uscita anticipata avverrà più tardi

Nel 2022 finirà Quota 100 ma anche le sperimentazioni legate all’Ape sociale e all’opzione donna. La riforma delle pensioni entra quindi nel vivo, l’obiettivo è quello di trovare un accordo all’interno del governo, ma anche con lavoratori e sindacati, che possa garantire la possibilità di superare definitivamente le criticità della legge Fornero.

DOPO QUOTA 100

Cosa aspettarsi dopo Quota 100? Le ipotesi di riforma prevedono Quota 102 e Quota 41 (ossia tutti in pensione con 41 anni di contributi al di là dell’età anagrafica). Le regole di Quota 100 consentono attualmente la possibilità di pensione anticipata con almeno 62 anni di età e 38 anni di versamenti, ma la risposta dei lavoratori è stata al di sotto delle previsioni del governo.

VERSO QUOTA 102

Tra le ipotesi su cui l’esecutivo si sta confrontando, spunta Quota 102: si passerebbe dai 62 ai 64 anni di età, mentre resterebbe invariato il parametro contributivo, fermo a 38 anni. Un’ipotesi che però rischia di lasciare fuori dalla flessibilità previdenziale i lavoratori discontinui e precari.

LE COPERTURE

Il confronto continua e tra le criticità, come sempre, c’è il capitolo coperture. Assicurare una flessibilità che sia la più ampia possibile ha un costo rilevante per le casse dello Stato: si ipotizza fino a 20 miliardi di euro. La soglia su cui sta ragionando il governo, invece, arriverebbe al massimo a 4 miliardi.