Italia markets open in 44 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.257,25
    -76,27 (-0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,1400
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • BTC-EUR

    37.041,97
    -861,14 (-2,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.012,75
    -12,98 (-1,27%)
     
  • HANG SENG

    24.090,93
    -127,10 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Pensioni: governo-sindacati, partita a tutto campo, per riforma tempi serrati

·2 minuto per la lettura

Confronto a tutto campo tra governo e sindacati sulla riforma delle pensioni da oggi fino al 7 febbraio data del primo check up politico che fornirà un quadro iniziale sulle convergenze o sulle distanze che separeranno le parti: giovani, donne, flessibilità in uscita e previdenza complementare saranno al centro di alcuni round tecnici che inizieranno già il 20 gennaio prossimo e che si succederanno in tempi strettissimi.

E' questo il cronoprogramma messo a punto stasera nel corso di un incontro, tutto sommato breve, circa 2 ore, tra il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, il ministro dell'Economia, Daniele Franco e i leader di Cgil, Cisl e Uil. Un fischio di inizio per una riforma attesa che avvia un tavolo per il momento condiviso: il governo appare intenzionato a stringere i tempi nonostante in contemporanea si giochi una partita delicata per il futuro del Paese, quella del Quirinale.

E i sindacati apprezzano. E' stato lo stesso ministro Orlando a spiegarlo nel corso del confronto. "Questo primo incontro è la prosecuzione del lavoro che abbiamo impostato con il metodo del dialogo sociale e che deve portare in tempi relativamente brevi ad interventi di riforma", ha detto declinando i temi sul tappeto. "Il primo tema è relativo alla questione della flessibilità legata alla natura contributiva e all'equilibrio finanziario del sistema che deve tenere conto delle diverse aspettative di vita, delle caratteristiche del lavoro, del lavoro di cura e domestico delle donne", ha spiegato.

"Il secondo, è quello della prospettiva del sistema: cosa succede ad una larga fascia di lavoratori, non solo giovani, che per una serie di fattori, la discontinuità dell'attività lavorativa, la mancata crescita dei salari, arriverà all'età della pensione con pensioni che rischiano di non essere adeguate. La terza questione è quella relativa al funzionamento del sistema integrativo e complementare", ha concluso Orlando.

E' ancora presto per parlare di soddisfazione ma Cgil Cisl e Uil sono comunque usciti dall'incontro con un giudizio positivo. "Abbiamo iniziato a entrare nel merito delle questioni e chiarito che nessuno pensa di cambiare il sistema contributivo. Ci misureremo ora sulla compatibilità sociale e su quella economica", ha commentato il leader Uil, Pierpaolo Bombardieri. Incontro "importante" anche per Luigi Sbarra, leader Cisl per il quale l’obiettivo resta quello di "cambiare e trasformare il sistema pensionistico, conferendo maggiore sostenibilità sociale, tanta inclusività soprattutto per giovani e donne, più flessibilità e stabilità”. Per questo, sollecita, "occorre superare le rigidità ragionieristiche della Legge Fornero e uscire anche dalla logica delle quote che hanno penalizzato le fasce deboli e precarie".

Round "utile anche se interlocutorio" per la Cgil. "E’ importante che il governo abbia confermato l’intenzione di confrontarsi con l’obiettivo di arrivare ad una riforma previdenziale che dia stabilità al sistema e che cambi l’attuale impianto, nell’ambito di un percorso che conferma l’approdo ad un sistema contributivo”, commenta il segretario confederale, Roberto Ghiselli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli