Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    87,77
    -4,32 (-4,69%)
     
  • BTC-EUR

    23.738,68
    -694,97 (-2,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,13
    +2,84 (+0,50%)
     
  • Oro

    1.790,20
    -25,30 (-1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,0197
    -0,0061 (-0,59%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.781,38
    +4,57 (+0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8451
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    0,9644
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,3157
    +0,0055 (+0,42%)
     

Pensioni, Inps: '40% assegni sotto mille euro ma scendono al 32% con integrazioni minimo'

(Adnkronos) - Nel 2021, se si considerano solo gli importi delle prestazioni al lordo dell’imposta personale sul reddito il 40% dei pensionati ha percepito un assegno pensionistico lordo inferiore ai 12.000 euro annui, meno di 1000 euro al mese. Una platea che però scende al 32% se si considerano gli importi maggiorati dalle integrazioni al minimo associate alle prestazioni, compresa l'indennità di accompagnamento e la quattordicesima mensilità. La fotografia è dell'Inps nella XXI Relazione presentata oggi in Parlamento. Complessivamente Al 31 dicembre 2021 i pensionati ammontano a circa 16 milioni, di cui 7,7 milioni maschi e 8,3 milioni femmine. Anche in questo casa si fa sentire il gender gap:nonostante le femmine rappresentino la quota maggioritaria sul totale dei pensionati (il 52%), le donne percepiscono il 44% dei redditi pensionistici, ovvero 137 miliardi di euro contro i 175 miliardi dei maschi. L’importo medio mensile dei redditi percepiti dagli uomini è superiore a quello delle donne del 37%.

Nel 2021 le prestazioni liquidate dall’Inps, e cioè il flusso dei nuovi beneficiari di trattamento pensionistico, sono circa 1,5 milioni, con una crescita del 9% rispetto al 2020 riconducibile in gran parte alle prestazioni assistenziali. Nel 2021 sono infatti aumentati del 15% gli assegni sociali. In crescita significativamente anche le prestazioni agli invalidi civili del 21%. Le prestazioni agli invalidi civili continuano ad essere la categoria numericamente prevalente, al 36% del totale delle nuove prestazioni, seguite dalle anticipate, il 22%, e dalle pensioni ai superstiti con quasi il 19%.

In termini di spesa, per il complesso delle liquidate, si registra un lieve calo degli importi medi mensili (-5%). Le pensioni di anzianità/anticipate rimangono quelle di importo più elevato, 1.989 euro mensili in media rispetto ai 1.061 euro di quelle di vecchiaia e agli 800 euro di quelle di invalidità e al superstite. Gli importi medi delle prestazioni assistenziali sono più bassi, intorno ai 470 euro mensili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli