Italia Markets closed
  • Dow Jones

    31.195,82
    +7,44 (+0,02%)
     
  • Nasdaq

    13.508,15
    +50,90 (+0,38%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2157
    +0,0041 (+0,3404%)
     
  • BTC-EUR

    26.112,29
    -2.738,36 (-9,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    627,84
    -52,07 (-7,66%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,00
    +1,15 (+0,03%)
     

Pensioni, nel 2021 non aumentano: le novità

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Le pensioni non aumenteranno nel 2021. E' il quadro che, dopo il decreto firmato a due mani dai ministri dell’Economia e del Lavoro e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, viene delineato da laleggepertutti.it., "Gli assegni previdenziali del 2021 resteranno intatti, cioè le pensioni non aumenteranno il prossimo anno".

La situazione è riconducibile all'inflazione. Secondo l’Istat, infatti, la variazione dell’indice di riferimento per il 2020 rispetto al 2019 registra un leggero calo dello 0,3%, indipendentemente da quello che succederà nell’ultimo trimestre di quest’anno. Poiché la legge prevede che l’adeguamento degli importi delle pensioni non possa essere negativo, quel leggero calo viene arrotondato e fissato a zero. Insomma, l’assegno non diminuisce ma nemmeno aumenta.

Una piccolissima variazione dovrebbe essere riscontrata nella pensione di gennaio. I dati dicono che la variazione applicata in via provvisoria nel 2020 è stata dello 0,4% rispetto all’anno precedente e che il valore definitivo è di +0,5%. Significa che a gennaio, secondo laleggepertutti.it, verrà riconosciuto uno 0,1% in più rispetto agli importi erogati durante il 2020.