Italia markets open in 5 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.841,70
    +393,69 (+1,43%)
     
  • EUR/USD

    1,2086
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    41.485,07
    -121,89 (-0,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,61
    -16,30 (-1,17%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Per la Pa gli Italiani vogliono buoni manager non assunzioni clientelari

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Quali cose secondo gli italiani servirebbero per far funzionare meglio la Pa? In primis, la semplificazione di leggi, regole e procedure (49,8%), poi assunzioni di persone capaci con metodi non clientelari (41,6%), più digitale (26,7%), assunzioni di figure professionali con competenze specialistiche come ingegneri, esperti, tecnici di sostenibilità e del digitale (24,9%) e più giovani (21,8%). E' quanto evidenzia il 1° Rapporto Cida-Censis "Il valore dei manager per tornare a crescere nel benessere - Perché con più manager la Pa sarebbe subito pronta per la buona gestione dei fondi Ngeu e non solo” presentato questa mattina in streaming.

Risposte ed idee, spiega il Rapporto, condivise trasversalmente ai territori e ai gruppi sociali che indicano due esigenze prioritarie: "Semplificare, rendendo i processi veloci, efficaci ed efficienti, e investire sul fattore umano, valorizzando le risorse interne a cominciare da quelle più manageriali, e immettendo persone capaci, competenti e con un know-how adeguato".

La managerialità, insomma, è un valore per gli italiani. Infatti, il 63,8% (67,8% tra chi ha una laurea) ritiene che in un ente pubblico, ministero o ospedale è indispensabile per fare bene incentivare i capi e i dirigenti con competenze e capacità da manager. La managerialità per gli italiani è risorsa decisiva per far funzionare meglio strutture e servizi della macchina pubblica.