Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.901,56
    -238,99 (-1,13%)
     
  • Dow Jones

    29.296,79
    -630,15 (-2,11%)
     
  • Nasdaq

    10.652,40
    -420,91 (-3,80%)
     
  • Nikkei 225

    27.116,11
    -195,19 (-0,71%)
     
  • Petrolio

    93,20
    +4,75 (+5,37%)
     
  • BTC-EUR

    20.109,47
    -531,09 (-2,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    445,50
    -9,53 (-2,09%)
     
  • Oro

    1.701,80
    -19,00 (-1,10%)
     
  • EUR/USD

    0,9743
    -0,0052 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.639,66
    -104,86 (-2,80%)
     
  • HANG SENG

    17.740,05
    -272,10 (-1,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.375,46
    -57,99 (-1,69%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    0,9682
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,3381
    -0,0076 (-0,56%)
     

Per la prima volta in Cina arrivano i robotaxi con il big tech Baidu

ZUMAPRESS.com /AGF

AGI - Per la prima volta in Cina le persone potranno prendere un taxi a guida autonoma: senza che ci sia nessuno al volante e senza neanche la limitazione dell'obbligo di un operatore seduto accanto al guidatore (che non c'è), per intervenire in caso di emergenza.

A vincere la gara per fornire al pubblico servizi di ride-hailing robotaxi è stata Baidu, Big Tech che possiede il primo motore di ricerca del paese e la più grande flotta di auto a guida autonoma in Cina.

I permessi, rilasciati dal comune sud-occidentale di Chongqing e dalla città centrale di Wuhan, consentono ai robotaxi commerciali di offrire corse al pubblico senza autisti e sono entrati in vigore lunedì.

Le prime città coinvolte

"Questi permessi hanno un profondo significato per l'industria - ha detto a Reuters Wei Dong, responsabile delle operazioni di sicurezza dell'Intelligent Driving Group di Baidu - se pensiamo all'esplorazione dello spazio, questo momento equivale all'atterraggio sulla Luna“.

Inizialmente, Baidu ha fatto sapere che dispiegherà un lotto di cinque robotaxi a pagamento in ciascuna città, dove potranno operare in aree designate dalle 9 alle 17 a Wuhan e dalle 9:30 alle 16:30 a Chongqing.

Baidu (che ha dichiarato di aver compiuto 196 mila corse di robotaxi "assistiti" nei primi tre mesi dell'anno e che presenterà i suoi risultati finanziari alla fine di agosto) è anche in trattative con le amministrazioni locali per espandere questo servizio a Pechino, Shanghai e Shenzhen.

A metà luglio la compagnia aveva presentato Apollo RT6, il suo nuovo veicolo autonomo con volante rimovibile (perché non più necessario), con l'obiettivo di utilizzarlo per il suo servizio robotaxi in Cina, già dal prossimo anno.

La società aveva fatto sapere che il costo del veicolo è previsto sui 250 mila yuan (circa 36.257 euro) per il nuovo modello, rispetto ai 480 mila yuan (-48%) dell'Apollo Moon, il modello precedente. Baidu è da tempo operativa nel settore dei robotaxi e lavora allo sviluppo di auto a guida autonoma dal 2017, anno del lancio della divisione Apollo. Il suo servizio, Apollo Go, ha una flotta di 300 veicoli autonomi.

La concorrenza di Toyota e Nissan

Ad aprile 2021 era stato autorizzato (insieme alla rivale Pony.ai) a offrire servizi di trasporto a bordo di veicoli autonomi in diverse città, inclusa Pechino, sebbene fosse comunque richiesto a un essere umano di rimanere al posto di guida.

In Cina i concorrenti di Baidu in questo settore si chiamano Pony.ai, sostenuto da Toyota Motor, WeRide, che ha ricevuto investimenti da Nissan Motor e Guangzhou Automobile Group. Negli Stati Uniti, Tesla e Waymo.

La Cina è un importante banco di prova per i veicoli autonomi, con un piccolo gruppo di aziende ambiziose che registrano regolarmente nuovi record su vari fronti, come la rimozione del conducente della sicurezza, l'apertura dei propri servizi al pubblico o l'esercizio su strade pubbliche e il numero di miglia loro i veicoli sono stati testati.