Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.022,04
    -461,68 (-1,34%)
     
  • Nasdaq

    15.254,05
    -283,64 (-1,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.935,62
    +113,86 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,1321
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    50.032,46
    -993,50 (-1,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.440,26
    -28,82 (-1,96%)
     
  • HANG SENG

    23.658,92
    +183,66 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.513,04
    -53,96 (-1,18%)
     

Per la prima volta in Russia più di mille morti per Covid in 24 ore

·1 minuto per la lettura

AGI - Per la prima volta la Russia ha superato i mille morti per Covid in 24 ore. Lo hanno riferito le autorità sanitarie, precisando che sono stati 1.002. Anche i casi di coronavirus hanno toccato il record, con 33.208.

La crescita dei dati aveva già aconvinto, ai primi di ottobre, il Cremlino a lanciare un appello ai propri cittadini a vaccinarsi. "Nononstante il sistema sanitario sia preparato in modo completo, il tasso di vaccinazione resta ancora troppo basso", aveva detto allora il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov.

Sono molti i russi che esitano a ricevere il vaccino anti-Covid per mancanza di fiducia nei confronti delle autorità e per una paura diffusa verso i farmaci. Alcune regioni, riporta il Guardian, stanno valutando l'introduzione dell'obbligo per i cittadini di essere vaccinati, di essere risultati negativi a un test per la ricerca del virus o di dimostrare di avere l'immunità naturale per entrare in alcuni luoghi pubblici come cinema e palestre

Intanto l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sta per riprendere la procedura di valutazione di Sputnik, il vaccino contro il Covid-19 sviluppato e prodotto in Russia. La vicedirettrice generale per l'accesso ai farmaci, Mariangela Simao, ha spiegato in conferenza stampa che l'esame era stato interrotto perché alcune procedure legali non erano state seguite.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli