Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.986,96
    -451,30 (-1,44%)
     
  • Nasdaq

    11.217,89
    -306,66 (-2,66%)
     
  • Nikkei 225

    27.049,47
    +178,20 (+0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,0525
    -0,0061 (-0,58%)
     
  • BTC-EUR

    19.303,08
    -629,47 (-3,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    441,62
    -8,44 (-1,88%)
     
  • HANG SENG

    22.418,97
    +189,45 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    3.828,02
    -72,09 (-1,85%)
     

Per l'Istat pil 2022 cresce solo del 2,8% e potrebbe andare peggio

(Adnkronos) - Oggi l'Istat stima che il pil crescerà del 2,8% quest'anno ma avverte che il dato potrebbe essere rivisto al ribasso in tempi molto brevi, a causa dei diversi fattori di rischio che potrebbero ''minare pesantemente'' il terreno della crescita. Tra le ''concause'' l'Istituto di statistica segnala ovviamente l'aumento dei prezzi, con la stima dell'inflazione che si attesta al +5,8%, spinta verso l'alto prima di tutto dai rincari nel settore dell'energia, condizionati a loro volta dalla guerra in Ucraina e che condizionano la bilancia commerciale dei pagamenti. Nelle 'Prospettive per l'economia italiana' l'Istat stima che ''l'Italia sperimenterà ancora un biennio di crescita del pil, con forti criticità'' legati a ''fattori di rischio''.

''La riduzione del commercio internazionale e la potenziale ripresa dei tassi d'interesse sono tutti fattori che potrebbero minare pesantemente i numeri che abbiamo diffuso oggi'', spiega l'Istituto. Già le prospettive per i prossimi mesi ''sono caratterizzate da elevati rischi al ribasso'' legati agli ''ulteriori incrementi nel sistema dei prezzi dei beni energetici''. ''Il forte rialzo dei prezzi delle materie prime energetiche'', inoltre, ha determinato un ''deciso incremento dei flussi in valore delle importazioni con un conseguente deterioramento della bilancia commerciale italiana''. Anche le aspettative di famiglie e imprese, secondo l'Istituto, ''potrebbero subire un significativo peggioramento''.

''Abbiamo un intreccio di concause che sono preoccupanti e, inevitabilmente, faranno agire la banca centrale nella direzione di contenere l'inflazione con una revisione dei tassi d'interesse'', spiega l'Istat. ''Questo, in un paese come il nostro, in cui abbiamo un alto indebitamento, produrrà degli effetti, ci colpirà in maniera più intensa''. Di conseguenza gli interventi di bilancio, che ''dovranno essere agiti dal governo, dovranno essere ben mirarti e calibrati, per aumentare l'efficacia e contenere il costo''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli