Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.853,38
    +75,62 (+0,22%)
     
  • Nasdaq

    13.442,47
    -309,77 (-2,25%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2149
    -0,0019 (-0,16%)
     
  • BTC-EUR

    46.776,56
    -880,99 (-1,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.516,30
    -44,99 (-2,88%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.201,35
    -31,25 (-0,74%)
     

Per oltre 74% italiani la burocrazia assorbe troppo tempo ai medici

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Rimettere i medici al centro del Servizio sanitario. E' quello che chiedono gli italiani, secondo il 1° Rapporto Cida-Censis "Il valore dei manager per tornare a crescere nel benessere - Perché con più manager la Pa sarebbe subito pronta per la buona gestione dei fondi Ngeu e non solo” presentato questa mattina in streaming.

Il 69,8% dei cittadini, si legge nel Rapporto, "ha elevata fiducia nei medici perché mettono sempre e comunque la salute del paziente al primo posto, prima dell’aspetto economico o di altro tipo". Per il 74,2%, nel proprio lavoro i medici non dovrebbero essere obbligati a dedicare troppo tempo ad aspetti burocratici. Il 66,2% degli italiani poi vuole sia sempre salvaguardata la totale autonomia dei medici nel prendere decisioni sulla salute dei pazienti, e per il 91,4% anche se telemedicina e digitale sono essenziali, occorre sia ben conservato il rapporto diretto paziente-medico.

"Sono numeri -spiega il Rapporto Cida-Censis- che raccontano l’alto valore sociale dei medici e la relativa very good social reputation. Eppure nel tempo molto poco essa è stata riconosciuta nel Servizio sanitario, come dimostra il gap retributivo con i colleghi di altri paesi. Infatti, fatta 100 la retribuzione media annua dei medici italiani, a parità di potere d’acquisto, in Germania il valore è pari a 182, nel Regno Unito a 161, in Spagna a 102 ed in Francia a 101. Pertanto, un obiettivo importante della nuova sanità post Covid-19, che deve disintossicarsi dalle logiche economiciste, è ripartire dalla neocentralità del medico, anche nell’esercizio di funzioni dirigenziali nel Servizio sanitario, perché garante di una sanità in linea con le più profonde esigenze dei cittadini".