Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.322,84
    +403,00 (+1,19%)
     
  • Nasdaq

    14.880,27
    +133,88 (+0,91%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1737
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    36.976,52
    +547,98 (+1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.087,89
    +47,41 (+4,56%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.401,00
    +46,81 (+1,08%)
     

Per Signorelli, il dibattito sulla terza dose è pericoloso

·2 minuto per la lettura

AGI - Il dibattito sulla terza dose? “Ci porta fuori pista”, risponde in un'intervista al Corriere della Sera Carlo Signorelli, ordinario di Igiene all'università Vita e Salute San Raffaele, past president della società italiana di Igiene (Siti). E per certi aspetti persino prematuro se non addirittura pericoloso. Secondo Signorelli, infatti, “il primo obiettivo di sanità pubblica è raggiungere con la doppia dose gli ultrasessantenni che ancora non le hanno ricevute e i giovani. Non possiamo permetterci in questa fase di distogliere l'attenzione dal bersaglio. Ecco il motivo per cui parlo di un pericolo”.

Secondo il medico la questione della terza dose è poi prematura perché “Dobbiamo ancora capire se la terza dose è necessaria e quando per consolidare l'immunità, soprattutto nelle persone fragili per età o patologia. Non c'è alcuna conferma che dopo sei mesi dall'inizio del ciclo vaccinale le difese scendano. Mancano risposte fondamentali”, sostiene Signorelli.

E quanto al governo israeliano è già partito con la dose extra, Signorelli commenta: “È un'iniziativa presa in via cautelare. Teniamo conto che da loro le vaccinazioni sono cominciate con almeno due mesi d'anticipo rispetto all'Italia. È un Paese piccolo, senza problemi di forniture di fiale.

Dunque, possono anche permettersi di avviare questo processo che è al di fuori della nostra portata anche dal punto di vista operativo”, tanto più che “un'operazione del genere ora ci metterebbe in ginocchio” perché “i centri hub sono destinati a essere dismessi per restituire palazzetti e sedi fieristiche alla funzione originaria. In Lombardia, tanto per fare un esempio, entro metà agosto la metà dei luoghi che oggi sono ‘in prestito' alle vaccinazioni chiuderanno, come è giusto. Al problema scientifico si aggiunge quello organizzativo”, osserva il professore, ordinario di Igiene all'università Vita e Salute San Raffaele.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli