Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.706,74
    -292,30 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    12.705,21
    -260,13 (-2,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    89,91
    -0,59 (-0,65%)
     
  • BTC-EUR

    21.134,38
    -966,24 (-4,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    504,88
    -36,72 (-6,78%)
     
  • Oro

    1.760,30
    -10,90 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0039
    -0,0053 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    4.228,48
    -55,26 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8483
    +0,0030 (+0,35%)
     
  • EUR/CHF

    0,9624
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3035
    -0,0026 (-0,20%)
     

Perché Biden ha dato fiducia a Powell

·5 minuto per la lettura

AGI - La nomina di Powell da parte di Biden per un nuovo mandato quadriennale alla guida della Fed è stata "tutt'altro che un atto di pietà", anche se ci sono volute settimane per prendere la decisione. È di questo avviso il Financial Times che stila un ritratto puntuale del banchiere centrale e ipotizza i motivi che hanno indotto l'amministrazione Usa alla sua conferma alla guida della Fed.

Scegliendo il 68enne repubblicano piuttosto che un collega democratico per il posto di presidente, in un momento di feroce polarizzazione politica negli Stati Uniti, Biden ha riconosciuto la validità della gestione della banca centrale durante la pandemia da parte di Powell e ha scommesso sulle sue capacità di domare l'inflazione senza minare la ripresa economica.

Ma Biden ha voluto anche premiare lo stile non dogmatico e senza pretese di Powell, che si è guadagnato il rispetto e l'ammirazione di molti funzionari della Casa Bianca, del personale della Fed e dei membri di entrambi i partiti a Capitol Hill.

"Non ha intenzione di vantarsi di quanto sia grande. Non ha intenzione di fare il prepotente con nessuno", ha commentato al Financial Times David Rubenstein, co-fondatore di Carlyle, il gruppo di private equity dove Powell ha lavorato dal 1997 al 2005. "È un tipo equilibrato, simpatico e personalizzabile. Non ha un dottorato in economia, ma ha un dottorato in come andare d'accordo con le persone".

Powell è un washingtoniano in tutto e per tutto. È nato nella capitale degli Stati Uniti nel 1953 da una famiglia cattolica ricca e istruita, come uno dei sei figli. La sua era una famiglia di alto livello: la madre una professoressa di matematica e statistica, suo padre un avvocato che rappresentava le aziende siderurgiche nelle trattative sindacali. I suoi genitori erano entrambi i primi della classe al Blessed Sacrament, la stessa scuola cattolica che Powell ha frequentato nel nord-ovest di Washington.

La nonna di Powell una volta tirò fuori un vecchio bollettino della messa domenicale che riportava i loro successi accademici e lo infilò sotto il naso del futuro presidente della Fed per mostrare cosa ci si aspettava da lui.

La famiglia ha sempre vissuto a pochi passi da Chevy Chase Circle, una grande rotonda al confine tra il Distretto di Columbia e il Maryland, e lui vive ancora oggi in quella zona. Una delle passioni di Powell è suonare la chitarra; gli piace anche il golf. È stato un assiduo ciclista in passato. E ama leggere di notte: uno dei suoi tomi preferiti è The Saxon Stories, una serie di romanzi storici di Bernard Cornwell sull'Inghilterra medievale.

Powell non è stato uno studente modello all'inizio. Eppure, è riuscito a entrare alla Princeton University, dove ha studiato politica africana, e alla Georgetown Law School. Poi si trasferì a Wall Street per lavorare per la banca d'investimento Dillon Read sotto Nicholas Brady, in seguito segretario al Tesoro di Ronald Reagan e George HW Bush. A New York Powell ha incontrato Elissa Leonard, una regista. I due si sono sposati nel 1985 e hanno tre figli.

Brady aveva giurato di non assumere nessuno della banca per servire il governo, ma fece un'eccezione per Powell, che entrò al Tesoro nel 1990 e divenne sottosegretario alle finanze nazionali nel 1992. Dopo l'entrata in carica di Bill Clinton, Powell è andato a Carlyle, dove ha fatto affari nel settore industriale e dei consumi per il gruppo americano di buyout.

Ma il servizio pubblico era la sua vocazione più grande. È entrato nel Bipartisan Policy Center, un think-tank, dove da un piccolo cubicolo ha aiutato a cercare di disinnescare la crisi del tetto del debito del 2011, mettendo Barack Obama contro i legislatori repubblicani.

Obama ha scelto Powell per il posto di membro nel consiglio dei governatori della Fed nel 2012, e una volta che Donald Trump diventò presidente, scattò anche la sua promozione più importante.

Nel suo primo mandato Powell è stato accreditato con la volontà di scuotere il pensiero della Fed dopo aver imparato dure lezioni dalla lenta ripresa della crisi finanziaria del 2008. "Penso a Powell come a qualcuno che è genuinamente curioso, genuinamente aperto di mente, sempre imparando, mai soddisfatto delle supposizioni", ha detto un funzionario della Casa Bianca.

Gli osservatori gli hanno attribuito un'insolita empatia alle comunicazioni della Fed, ad esempio quando ha citato i problemi degli americani che soffrono per la crisi del Covid-19 e la nazione che fa i conti con l'ingiustizia razziale.
Powell non è un cattolico praticante, ma ha sostenuto il lavoro caritatevole della Chiesa nella capitale. "È un uomo con un grande cuore per i bisognosi", ha detto monsignor John Enzler, presidente e amministratore delegato della Catholic Charities dell'arcidiocesi di Washington, che conosce la famiglia di Powell da 30 anni.

Sottoposto ai furiosi attacchi di Trump, Powell non ha ribattuto apertamente all'ex presidente, ma ha chiarito che non si sarebbe dimesso se gli fosse stato chiesto.

"Ci vuole una persona molto volitiva per poter resistere agli strali  del presidente degli Stati Uniti. Ha fatto quello che pensava fosse giusto, e alla fine merita credito per non essersi messo a fare battaglie con la Casa Bianca", ha detto Rubenstein.

I critici di Powell a sinistra dicono che è stato troppo indulgente sulla regolamentazione finanziaria ed esitante sul clima. Altri dicono che la Fed è rimasta indietro sull'inflazione. Ma i sostenitori hanno fiducia in Powell nell'affrontare l'aumento dei prezzi attraverso la politica monetaria, se necessario, e per convincere i mercati, i politici e il pubblico che ha tutto sotto controllo.

"È qualcuno che quando vede un problema fa qualcosa al riguardo", ha detto Shai Akabas, che ha lavorato al fianco di Powell al Bipartisan Policy Center. "Se c'è un problema, questo resta  in cima ai suoi pensieri fino a quando non lo affronta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli