Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,09 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,00 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,89 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,06 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    +0,02 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    50.228,75
    -305,16 (-0,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,35 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -0,70 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1902
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,30 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8671
    -0,0003 (-0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,1006
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4915
    -0,0048 (-0,32%)
     

Perché i tassi Usa hanno fatto male soprattutto ai mercati emergenti

Virgilio Chelli
·2 minuto per la lettura
Perché i tassi Usa hanno fatto male soprattutto ai mercati emergenti
Perché i tassi Usa hanno fatto male soprattutto ai mercati emergenti

Gli esperti di Euromobiliare SGR sottolineano che la tensione sui Treasury ha innescato una rotazione settoriale e geografica che ha favorito Europa e Giappone, insieme ai settori della finanza e dell’energia

La tensione sulla parte lunga della curva dei tassi americani dell’ultima settimana di febbraio ha messo in luce la vulnerabilità di una asset class guardata con favore da molti investitori ai movimenti dei rendimenti americani e del dollaro, quella del debito dei Mercati Emergenti e dell’azionario. La violenta accelerazione del trend di salita dei rendimenti governativi decennali americani, che si è poi allentata ai primi giorni di marzo, ha investito anche le altre aree geografiche, ma soprattutto il debito in valuta forte dei Paesi Emergenti e l’azionario. A fronte di una perdita del Treasury decennale dell’1,0% i bond emergenti in dollari e l’azionario hanno infatti lasciato sul terreno rispettivamente il 2,0% ed il 5,7%.

PENALIZZATI GOVERNATIVI E INVESTMENT GRADE

Gli esperti di Euromobiliare SGR sottolineano che il movimento sui tassi Usa ha coinvolto scadenze intermedie e lunghe con un’intensità, guidata della componente reale, tale da creare una certa instabilità anche nel credito e nell’azionario, che come da manuale ha penalizzato maggiormente gli asset finanziari dell’area emergente. Febbraio ha chiuso con un bilancio molto penalizzante per la duration in tutte le sue declinazioni: dagli obbligazionari governativi all’Investment Grade, in pesante calo per il secondo mese consecutivo, mentre nonostante le perdite dell’ultima settimana sono stati positivi i ritorni dell’azionario globale che ha messo a segno un +2,7%.

ROTAZIONE GEOGRAFICA E SETTORIALE

L’aggiustamento sul fronte dei tassi, mettono in rilievo gli esperti di Euromobiliare SGR, ha innescato un’importante rotazione geografica, settoriale e di stile che ha favorito Europa e Giappone, finanziari ed energy e, più in generale lo stile di investimento value. La rapida salita dei tassi ha ricordato agli investitori che la ripresa ciclica all’uscita di una fase di recessione esercita una notevole pressione al rialzo sulle parti lunghe delle curve dei rendimenti. Questo anche a fronte, come nella fase attuale, di banche centrali orientate a mantenere condizioni estremamente accomodanti. https://vimeo.com/518479357

IN ATTESA DEI DATI USA SUL LAVORO

Secondo gli esperti di Euromobiliare SGR, i precedenti storici suggeriscono che la fase di assestamento dei tassi possa estendersi al secondo trimestre. Gli investitori ora guardano ai dati macro in arrivo, in primo luogo a quelli sul mercato del lavoro americano che saranno pubblicati venerdì 5 marzo. A febbraio la creazione di nuovi posti di lavoro dovrebbe aver recuperato terreno, dopo qualche mese di rallentamento dovuto ai lockdown, e nei prossimi trimestri la normalizzazione dell’attività economica dovrebbe imprimere una notevole accelerazione al ritmo di miglioramento del quadro occupazionale.