Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.449,03
    -1.128,11 (-2,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Pericolo Scampato per l’Euro Dollaro. Dati PMI e Disoccupazione Positivi

·2 minuto per la lettura

I dati sull’inflazione dell’Eurozona di ieri hanno raggiunto massimi toccati l’ultima volta dieci anni fa, promuovendo una forte mossa rialzista sul prezzo dell’euro dollaro. Nel mentre, è ripreso un sell-off di titoli di stato europei che sarà testato mentre ci si sta avvicinando alla riunione della BCE programmato per le prossime settimane. Ciò ha innescato prospettive da falco da parte di alcuni responsabili delle politiche della BCE, in netto contrasto con la retorica del presidente della FED Powell durante il simposio di Jackson Hole della scorsa settimana. Ulteriore impulso è stato dato ai sostenitori dell’euro dopo che i dati sulla fiducia dei consumatori statunitensi per agosto sono risultati ben al di sotto delle stime.

La richiesta di un minore sostegno da parte della BCE non è stata esacerbata dai dati odierni dell’Eurozona, pubblicati all’incirca in linea con le previsioni. Ci sono alcune giustificazioni fatte dai falchi, vale a dire: Maggiore vaccinazione nell’area dell’euro e Alta inflazione.

Una notte decisamente interessante per l’euro dollaro

Durante la sessione dell’Asia e del Pacifico di oggi il fiber ha effettuato l’ennesimo rimbalzo sul supporto psicologico 1,18, segno evidente della predominanza dei rialzisti nella zona che potrebbe aprire la strada verso una ripresa più ampia. Ma occorre ulteriori input rialzisti, i quali il primo potrebbe essere il dato NFP calendarizzato venerdì 3 settembre.

Per quanto riguarda la controparte del dollaro americano, il future di riferimento è da diversi giorni in una fase ribassista che non accenna a fermarsi.

Al momento ottimo lavoro lo sta svolgendo il livello annuale 92,696 il quale mantiene ben salda le prospettive ribassiste del dollaro index (e rialziste sull’euro dollaro). Il prezzo è anche all’interno di un test dell’area di demand, la quale una chiusura al di sotto di esso darebbe il via ad un brusco movimento short e permetterebbe al fiber di effettuare un rally interessante.

Analisi Tecno-Grafica euro dollaro

Il grafico giornaliero del fiber mostra un inizio di giornata relativamente piatto (al momento della scrittura) anche se l’euro ha recuperato la momentanea perdita della notte. Grazie ai dati dell’Eurozona discretamente favorevoli per l’euro e un dollaro debole il prezzo sembra proiettato al rialzo.

I mercati sono attualmente titubanti poiché gli investitori attendono i dati economici chiave degli Stati Uniti nella giornata di oggi e quelli di venerdì; dopodiché potrebbero essere stabilite alcune direzioni di breve termine e lungo termine molto più chiare.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli