Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    27.021,79
    +5,32 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Petrolio accentua ribassi, Brent -3% a 103,78 dollari, Wti 101,12

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 mag. (askanews) - Il petrolio accentua ulteriormente i ribassi nel pomeriggio, scattati fin dai primi scambi oggi dopo che nel fine settimana dalla Cina sono giunti altri dati che fanno temere Che i nuovi e controversi lockdown, in particolare sull'area di Shanghai, stiano provocando un pesante rallentamento dell'economia, e quindi delle sue prospettive di domanda. Il barile di Brent, il greggio di riferimento del Mare del Nord perde oltre il 3% nel pomeriggio a 103,78 dollari. Sul Nymex il West Texas Intermedie cade di oltre il 3,4% al 101,12 dollari.

Secondo una indagine, ad aprile l'attività del manifatturiero in Cina ha accusato una nuova contrazione fino a portarsi ai minimi del febbraio del 2020.

A poco servono a sostenere le quotazioni le prospettive di una messa al bando del petrolio della Russia da parte dei paesi dell'Unione Europea. Peraltro questa ipotesi, che resta molto dibattuta e su cui l'Ungheria minaccia di mettere il veto, non è sul tavolo del Consiglio straordinario dell'Energia che si tiene oggi sul problema dei pagamenti sulle forniture di gas russo. Ma diversi paesi Ue stanno spingendo per una stop al greggio da Mosca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli