Italia markets open in 7 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1834
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    10.098,46
    +702,99 (+7,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Petrolio altalenante poiché i commercianti sperano che le nuove misure anti-virus abbiano un impatto limitato sulla domanda

Vladimir Zernov
·2 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 22.09.20.

La tempesta tropicale Beta non si è trasformata in un uragano

Questa stagione degli uragani è molto intensa e la produzione di petrolio nel Golfo del Messico degli Stati Uniti è già stata colpita dall’uragano Laura e dall’uragano Sally.

Questa volta, alcune piattaforme sono state evacuate a causa di Tropical Storm Beta. Tuttavia, la perdita di produzione è stimata in circa 150.000 barili al giorno (bpd), che è molto inferiore rispetto al caso dei recenti uragani.

Beta non ha guadagnato abbastanza forza per diventare un uragano ed è approdato in Texas. La costante interruzione degli uragani e delle tempeste tropicali potrebbe esercitare una certa pressione a breve termine sulla produzione petrolifera statunitense e spingere le scorte di greggio a livelli inferiori.

Oggi, i trader avranno la possibilità di valutare il rapporto API Crude Oil Stock Change , che dovrebbe mostrare che le scorte di greggio sono diminuite di 2,25 milioni di barili.Se il rapporto indica un calo maggiore, il petrolio avrà buone possibilità di tornare al di sopra del livello di $ 40.

Il Regno Unito annuncia nuove misure anti-Coronavirus, ma il petrolio rimane per lo più piatto

I mercati globali stanno monitorando da vicino la situazione in Europa che soffre della seconda ondata di coronavirus.

Il governo britannico è stato il più attivo negli ultimi giorni nel discutere le potenziali nuove misure. Infine, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato che bar e ristoranti dovranno chiudere presto e ha incoraggiato le persone a lavorare da casa, se possibile. Ha anche rafforzato le regole per indossare la maschera.

Secondo Johnson, queste misure dovrebbero rimanere in vigore per sei mesi e il governo britannico non esclude l’introduzione di misure molto più forti se la situazione peggiora.

Il Regno Unito è visto come un potenziale esempio di ciò che potrebbe presto accadere in altri paesi europei, quindi i commercianti di petrolio sono stati felici di sapere che il Regno Unito non ha imposto un nuovo blocco, almeno per ora.

Allo stesso tempo, la realizzazione di ulteriori misure di contenimento del virus probabilmente metterà una certa pressione sull’economia e aumenterà l’ansia dei consumatori che potrebbe essere negativa per la ripresa della domanda di petrolio.

A mio parere, i timori sulla seconda ondata di blocchi non scompariranno nei prossimi giorni perché la situazione si sta sviluppando rapidamente e la tradizionale stagione influenzale non è ancora iniziata. Se la situazione del virus peggiora, il petrolio potrebbe avere un quarto trimestre molto impegnativo.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: