Italia Markets closed

Petrolio, Analisi Fondamentale giornaliera – I prezzi vanno verso una stabilizzazione

Armando Madeo

I prezzi del petrolio sembrano essersi stabilizzati dopo il ripido selloff a metà della scorsa settimana. Il Brent è sceso da circa $ 85 a $ 80 nell’arco di due giorni, ma Venerdì i prezzi sono tornati leggermente in rialzo. Il crollo del mercato azionario globale ha trascinato in basso i prezzi del greggio, ma i dati ribassisti della VIA e dell’OPEC hanno accentuato il declino.

I mercati azionari si sono fermati dopo la grande tre giorni di tonfo, con il DAX oggi che guadagna mezzo punto, così come l’indice italiano, in attesa dell’apertura di Wall Street. I mercati in Europa, Asia e Stati Uniti hanno iniziato il recupero già Venerdì, e i dati positivi sulle esportazioni dalla Cina pubblicati sempre venerdì hanno contribuito a mitigare le preoccupazioni del mercato. I prezzi del petrolio rimangono altamente vulnerabili alla volatilità nei mercati finanziari.

I dati settimanali dall’EIA hanno amplificato il sentimento ribassista, e il calendario è stato a favore degli orsi dato il declino dell’azionario mondiale. L’EIA ha registrato un aumento di 6 milioni di barili nelle scorte di petrolio greggio, mentre le scorte di benzina sono aumentate di 1 milione di barili. Le esportazioni sono aumentate e le importazioni sono diminuite, pertanto l’aumento delle scorte non può essere attribuito alle anomalie commerciali. L’utilizzo delle raffinerie è diminuito drasticamente, il che aiuta a spiegare il brusco aumento delle scorte, ma l’aumento delle scorte di benzina non è stato accolto bene.

{alt}
{alt}

L’aumento della produzione negli Stati Uniti potrebbe dare all’OPEC più spazio per respirare. “L’OPEC ha rivisto le sue previsioni per l’invito all’OPEC nel 2019 in calo di 270.000 a 31,8 milioni di barili al giorno a causa del forte aumento dell’offerta non OPEC. Al contrario, la produzione dell’OPEC è salita a 32,8 milioni di barili al giorno a settembre, nonostante le cadute in Iran e in Venezuela “, ha scritto Commerzbank in una nota. “Così l’OPEC sta attualmente producendo circa 1 milione di barili al giorno più del necessario l’anno prossimo, creando un cuscinetto sostanziale per ulteriori interruzioni in Iran e Venezuela.”

.Nel suo ultimo rapporto, l’AIE ha affermato che sia la domanda che l’offerta si stanno avvicinando per la prima volta a 100 milioni di barili al giorno. L’agenzia ha anche affermato che non vi è alcun segno che la domanda di picco sia vicina perché i fattori trainanti della crescita della domanda sono “molto potenti”.

IEA: mercato petrolifero “sotto pressione”. Nel breve periodo, l’AIE ha affermato che “l’energia dispendiosa è indietro “e potrebbe minacciare la crescita economica. L’aumento della produzione dall’Arabia Saudita negli ultimi mesi lascia il mercato “adeguatamente rifornito per ora”, ha detto l’AIE, anche se i guadagni sono venuti a scapito della capacità inutilizzata, ma il mercato sta subendo una certa tensione. Nel frattempo, l’AIE ha anche declassato le sue previsioni sulla domanda di petrolio per il 2019 da 1,4 a 1,3 milioni di barili al giorno, citando la debolezza dei mercati emergenti.

Chevron sta cercando di costruire o acquistare una raffineria sulla costa del Golfo. Chevron (NYSE: CVX) sta cercando di costruire o acquistare una raffineria di petrolio sulla costa del Golfo degli Stati Uniti al fine di elaborare tutto il petrolio che produce nel bacino del Permiano, secondo Reuters . Chevron ha già una presenza a valle nel Mississippi, e quindi è alla ricerca di una risorsa di raffinazione sul Canale Nave di Houston. L’interesse mette in evidenza l’effetto a catena della produzione di scisto in aumento nel Texas occidentale. L’aumento della capacità a valle è una conseguenza dell’abbondante fornitura di scisti, con particolare attenzione da parte delle imprese per la lavorazione del greggio dolce e leggero.

In un segnale che le aspettative sui prezzi stanno aumentando dall’interno dell’industria petrolifera, il CEO di BP, Bob Dudley, ha dichiarato che la sua azienda sta pianificando investimenti basati su un prezzo di $ 60- $ 65 al barile, con un netto aumento da $ 50- $ 55 al barile. Dudley ha detto che non si aspetta che i prezzi si tuffino di nuovo andando avanti, ma il settore non spenderebbe incautamente. “Siamo di nuovo fuori per le gare con la spesa? Il mio senso dell’industria è che ho imparato una lezione così dolorosa “, ha detto Dudley. “La disciplina del capitale è davvero importante”. Tuttavia, il rally dei prezzi e l’obiettivo rivisto dei prezzi per la BP suggeriscono che i dirigenti non saranno così serrati come negli ultimi anni.

Previsioni

Oggi i prezzi del greggio sono in ascesa, anche grazie alla ripresa dell’azionario americano ed ai dati Cinesi. Alle 14:30 il WTI guadagna lo 0,8%, mentre il benchmark londinese segna un +0,96% scambiando a quota 81 dollari.

In molti ora si chiedono se considerare gli 80 dollari al barile, prima resistenza ora supporto, come limite basso per il Brent, che ha questa notte aperto in gap rialzista e che si trova ora stabilmente sopra gli 80 dollari.

Resta invece netto lo spread fra WTI e Brent che ha ormai raggiunto i 10 dollari di differenziale fra i due benchmark.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: