Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.330,76
    -3.849,82 (-8,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Petrolio ancora in rialzo, sale pressione su Opec+ di giovedì

·1 minuto per la lettura

Ancora movimenti positivi per il petrolio in vista della riunione dell'Opec+ del 4 novembre. Il Wti (riferimento Usa) sale dello 0,4% a 84,39 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) avanza dello 0,57% a 85,19 dollari al barile. I delegati hanno indicato che è probabile che il gruppo proceda con un aumento di 400.000 b/g della quota di produzione a dicembre, in linea con la tabella di marcia concordata a luglio. "Sebbene vi sia molta pressione sull'Opec+ per aumentare la produzione in modo più aggressivo, i membri continuano a resistere e sembrano invece preferire attenersi al loro piano di allentamento dei tagli di 400.000 b/g al mese", segnalano gli economisti di ING.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli