Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,91
    -1,22 (-2,30%)
     
  • BTC-EUR

    27.400,21
    +2.342,78 (+9,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    658,45
    +48,45 (+7,94%)
     
  • Oro

    1.853,10
    -12,80 (-0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,38%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5492
    +0,0116 (+0,76%)
     

Petrolio ancora sotto pressione dopo tonfo -3% vigilia. 'Virus mutante e Brexit: l'incubo prima di Natale'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Giornata di ribassi per i prezzi del petrolio, con le quotazioni del WTI e del Brent che continuano a capitolare, dopo essere affondate del 3% circa alla sessione della vigilia. Incide ancora la preoccupazione per la variante Covid identificata nel Regno Unito, che ha portato l'Europa a bloccare il voli verso e dal paese. Interpellato dalla Cnbc Stephen Innes, chief market strategist presso Axi, ha parlato dell'arrivo di "uno scenario da incubo prima del Natale, con la combinazione di un 'virus mutante' e le ansie legate alla Brexit'. Innes ha fatto riferimento, anche, a una condizione di ipercomprato per il mercato del petrolio, facendo notare che il rapporto di posizioni long verso le posizioni short è di 4 a 1 e che dunque, a suo avviso, un sell off è inevitabile. I prezzi del contratto WTI cedono l'1,21% a $47,41 mentre quelli del Brent arretrano dello 0,94% a $50,43 al barile.