Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.690,91
    +629,12 (+1,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Petrolio: Brent a un passo da quota 60$, ma permangono rischi per domanda nel breve termine

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Il petrolio continua ad avvicinarsi alla soglia psicologia dei 60 dollari al barile, sull'onda delle crescenti speranze per un ampio pacchetto di stimoli negli Stati Uniti ma anche grazie al calo dei casi Covid-19. In particolare, stamattina le quotazioni del Brent mostrano un rialzo dello 0,59% a 59,9 dollari, mentre il WTI sale di oltre l'1% a quota 57,44 dollari. "Sembra che nonostante i dati bearish, come quelli sul lavoro Usa di venerdì, i mercati mantengano il loro passo, aumentando solo la probabilità di stimoli più ampi", spiegano gli esperti di ING, secondo i quali le prospettive di mercato continuano a migliorare, ma permangono rischi per la domanda nel breve termine. "Fino a quando i tassi di vaccinazione non aumenteranno in tutto il mondo, è difficile essere eccessivamente ottimisti sulla domanda di petrolio, che è ancora frenata dai blocchi in alcune regioni e dai viaggi internazionali restrittivi".