Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.202,07
    +302,73 (+0,87%)
     
  • Nasdaq

    15.814,83
    +323,17 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • EUR/USD

    1,1284
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • BTC-EUR

    51.449,18
    +2.393,07 (+4,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,72
    +24,78 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • S&P 500

    4.667,17
    +72,55 (+1,58%)
     

Petrolio Greggio: Avvio Positivo per il Mese di Novembre

·2 minuto per la lettura

I prezzi del petrolio greggio quotato in dollari al Nymex hanno avviato la settimana ed il mese con una prestazione positiva, dopo aver concluso la barra del mese di ottobre senza aver generato indicazioni di esaurimento del rialzo. Con riferimento ai livelli tecnici di medio/lungo periodo, localizzabili su grafico storico a scansione mensile, consideriamo attive proiezioni fino a 104.00 sorrette dai supporti di quota 81.00/81.10 e 76.60/76.90. Le proiezioni potranno ovviamente essere oggetto di aggiornamenti nel corso del mese di novembre, ma sono comunque indicative dello stato di salute del trend rialzista che prosegue dai minimi di aprile 2020. Alle 18.39 CET il contratto future con scadenza a dicembre quota 84.00 $ con un guadagno del +1.44% rispetto alla chiusura di venerdì scorso.

Gli Hedge Fund riducono l’esposizione rialzista

Gli hedge fund rimangono ottimisti sulle prospettive per il petrolio, ma gli afflussi di denaro “fresco” si sono prosciugati nell’ultimo mese, in particolare da quando sono stati raggiunti i massimi pluriennali. Nell’ultima settimana i fondi hanno ridotto la loro posizione lunga netta di 18 milioni di barili, con diminuzioni a carico in particolare del Brent (-18 milioni) e di NYMEX e ICE WTI (-7 milioni), in parte compensate da incrementi di benzina USA (+4 milioni), Diesel statunitense (+1 milione) e gasolio europeo (+1 milione). Il rialzo si concentra su distillati come benzina e gasolio. I gestori di portafoglio sono ottimisti sui distillati in quanto scommettono su un “cambio di carburante” per il riscaldamento nei mesi invernali, visti i costi proibitivi raggiunti da gas e carbone. In prospettiva più ampia, l’ottimismo sul ciclo economico è temperato dalla preoccupazione per una possibile ripresa del coronavirus e dai rischi macroeconomici insiti in un aumento dell’inflazione. Intanto l’OPEC+ sembra a suo agio con la tendenza al rialzo dei prezzi del petrolio, ma sta attirando una crescente reazione diplomatica da parte dei governi dei paesi consumatori, in particolare degli Stati Uniti.

Il Quadro Tecnico per il Petrolio Greggio

Il grafico intraday a scansione di 30 minuti evidenzia la posizione di alcune resistenze intermedie poco sopra ai valori attuali del mercato, precisamente a quota 85.15 e quota 85.55/85.65. E’ possibile possano scattare da tali resistenze alcune prese di beneficio relative al rialzo che sta salendo dai minimi del 28/10 (quota 80.58). L’impostazione rialzista di fondo è comunque sorretta da supporti disposti adesso a 83.35/50 e non prima di 80.60/80.95. Sulla tenuta di tali supporti poggiano le proiezioni rialziste che forniscono primi target a 86.35/40 e 87.30. Sarà possibile “alzare” il supporto principale solo dopo il superamento consolidato degli 85.65, previa aggiornamenti. Lo scenario rialzista verrebbe annullato dalla violazione del secondo supporto, meglio se confermata da una chiusura su grafico a 30 minuti inferiore a 80.60.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli