Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.866,01
    +607,69 (+1,77%)
     
  • Nasdaq

    15.081,69
    +184,84 (+1,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1751
    +0,0055 (+0,47%)
     
  • BTC-EUR

    38.085,06
    +1.000,22 (+2,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.122,99
    +14,06 (+1,27%)
     
  • HANG SENG

    24.510,98
    +289,44 (+1,19%)
     
  • S&P 500

    4.464,16
    +68,52 (+1,56%)
     

Petrolio, l'Opec migliora l'outlook per il 2022: titolo Eni in rialzo a Piazza Affari

·2 minuto per la lettura
Petrolio, l'Opec migliora l'outlook per il 2022: titolo Eni in rialzo a Piazza Affari
Petrolio, l'Opec migliora l'outlook per il 2022: titolo Eni in rialzo a Piazza Affari

Il cartello dei Paesi esportatori di petrolio ha rivisto le stime per la domanda di greggio nel 2022. Reagisce positivamente Eni, contrastate le altre società del settore

L'organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio ha rivisto al rialzo le previsioni per la domanda mondiale di greggio nel 2022, quando i consumi di combustibili torneranno ai livelli pre-pandemici. Nel suo outlook mensile, l'Opec ha stimato che nel 2021 la domanda globale di greggio aumenterà di 5,96 milioni di barili, o del 6,6%, rispettando le stime fornite ad agosto. Le previsioni per il 2022, invece, sono state riviste a 4,15 milioni di barili giornalieri, in confronto ai 3,28 milioni di barili previsti nel rapporto di agosto e alle attese di 4,2 milioni di barili fornite durante l'ultimo meeting del gruppo l'1 settembre. In totale, la richiesta di greggio nel prossimo anno dovrebbe salire a 100,83 milioni di barili giornalieri.

STIME TAGLIATE PER ULTIMO TRIMESTRE

Il cartello ha tuttavia limato le previsioni per la domanda nei tre mesi finali del 2021, citando le incertezze legate alla variante Delta e alle possibili conseguenze sui trasporti. Come si legge nel report Opec, "Il rischio del Covid-19, alimentato principalmente dalla variante Delta, sta offuscando le prospettive per la domanda di greggio in vista dell'ultimo trimestre dell'anno". La domanda per la seconda metà del 2021 è stata “rivista leggermente al ribasso, rinviando parzialmente la ripresa della domanda di greggio alla prima metà del 2022". Per ottobre/dicembre, la domanda dovrebbe attestarsi sui 99,70 milioni di barili, 110.000 barili in meno rispetto alle precedente outlook.

COMPARTO OIL CONTRASTATO

Il miglioramento dell'outlook per il 2022 non ha dato i segnali sperati a Piazza Affari, dove il comparto petrolifero procede verso la chiusura odierna a due velocità. Eni è la migliore con un rialzo dell'1,7%, seguita da Tenaris al +0,4%. Vendite invece su Saipem, in calo dello 0,7%, e Saras, in ribasso dello 0,6%.

BRENT SOPRA I $74

I prezzi del greggio hanno rotto al rialzo nuovi livelli importanti spinti dal nuovo uragano Nicholas che sta mettendo in allerta le coste del Texas, pochi giorni dopo che l'uragano Ida ha colpito il Golfo del Messico. Il contratto del Mare del Nord scambia sui $74,11 (+0,8%), mentre il greggio WTI è in aumento dello 0,7% a $70,97.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli