Italia markets close in 8 hours 6 minutes
  • FTSE MIB

    25.369,88
    +18,28 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,02
    -0,24 (-0,34%)
     
  • BTC-EUR

    32.404,13
    -1.720,42 (-5,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    935,70
    -25,20 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.812,70
    -9,50 (-0,52%)
     
  • EUR/USD

    1,1884
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.162,12
    -73,68 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.108,96
    -7,66 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8542
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0747
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4867
    +0,0025 (+0,17%)
     

Petrolio piatto, palla sempre all'Opec+ in cerca di un accordo

·1 minuto per la lettura

"Il greggio è quasi piatto questo venerdì, dopo aver raggiunto un nuovo massimo pluriennale durante la sessione precedente, dopo un disaccordo dell'ultimo minuto tra i membri dell'OPEC che ha ritardato la decisione sull'aumento dei livelli di produzione di circa 400 mila barili al giorno", commenta Ricardo Evangelista, analista senior di ActivTrades. I funzionari dei paesi membri si riuniranno oggi e cercheranno di trovare un accordo. "Se dovessero fallire, potremmo vedere di nuovo schizzare il prezzo del greggio poiché al momento l'offerta è insufficiente a soddisfare la crescente domanda", aggiunge l'esperto. Intanto il Wti viaggia in area 75,19 dollari al barile (-0,03%), mentre il Brent cerca di riacciuffare quota 76 dollari (-0,08%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli