Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.647,35
    -314,51 (-0,98%)
     
  • Nasdaq

    13.302,67
    -295,30 (-2,17%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2234
    +0,0066 (+0,54%)
     
  • BTC-EUR

    41.284,66
    +92,35 (+0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.013,52
    +18,86 (+1,90%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    3.869,44
    -55,99 (-1,43%)
     

Petrolio, Previsioni: Calo dei prezzi

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

I futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e di riferimento internazionale Brent sono scambiati in ribasso venerdì alla fine, dopo aver registrato un’inversione del prezzo di chiusura spostando lo slancio in alto nella sessione precedente. All’inizio della sessione, entrambi i contratti futures sono stati scambiati al ribasso per la settimana, sostanzialmente cancellando il premio meteorologico di questa settimana causato dal gelo artico in Texas.

Alle 18:48 GMT, i futures sul petrolio greggio WTI di aprile vengono scambiati a $ 59,47, in calo di $ 1,06 o -1,75% e il petrolio greggio di aprile Brent è a $ 63,01, in calo di $ 0,92 o -1,44%.

La brusca fine di un rally guidato dalle condizioni meteorologiche e la successiva chiusura inferiore è stata alimentata dalle preoccupazioni che le raffinerie impiegheranno tempo per riprendere le operazioni dopo il grande congelamento in Texas, creando un divario nella domanda, mentre le forniture OPEC + dovrebbero aumentare. Questi sono i due problemi che probabilmente attireranno la maggior parte dell’attenzione la prossima settimana.

Il meteo in Texas preoccupa l’Est

Temperature più miti durante il fine settimana in Texas e un allentamento delle tensioni nel mercato fisico potrebbero esercitare pressioni sui prezzi dei future sul petrolio greggio nel breve termine. “L’aria artica sul Texas si modererà rapidamente nei prossimi giorni con massimi che raggiungeranno i 10°C – 20°C entro la fine di questo fine settimana”, secondo NatGasWeather.

I raffinatori hanno bisogno di tempo per riprendere le operazioni

Con i futures vicini che hanno raggiunto i massimi di 13 mesi giovedì a causa del congelamento storico negli stati meridionali degli Stati Uniti, l’attenzione si sposta ora sull’impatto di queste condizioni sulle raffinerie dopo che alcuni rapporti hanno mostrato che fino a un terzo della produzione di greggio statunitense è stato chiuso.

Secondo ANZ Research, la mancanza di domanda da parte delle raffinerie texane porterà probabilmente all’accumulo di scorte di greggio nelle prossime settimane, anche se sono stati chiusi circa 3,5 milioni di barili al giorno (bpd) della produzione petrolifera statunitense.

Gli analisti di Citi hanno affermato in una nota che alcune raffinerie statunitensi potrebbero anticipare circa 500.000 bpd di lavori di manutenzione normalmente programmati per la primavera del prossimo mese, prima della stagione di guida estiva.

L’OPEC+ prenderà in considerazione un leggero allentamento dei tagli alla produzione ad aprile

È probabile che i produttori di petrolio OPEC + allentino i freni all’offerta dopo aprile a causa della ripresa dei prezzi, hanno detto a Reuters fonti OPEC +, sebbene qualsiasi aumento della produzione sarà modesto poiché i produttori sono diffidenti nei confronti di nuove battute d’arresto nella battaglia contro la pandemia.

Un rally del petrolio in un massimo di 13 mesi a quasi $ 64 al barile (Brent) ha rafforzato la fiducia tra i produttori che il mercato potrebbe assorbire più offerta. I meteorologi, tra cui l’OPEC, prevedono un aumento record della domanda quest’anno con l’introduzione dei vaccini, nonostante l’attuale debolezza.

Rapporto settimanale sulle scorte della U.S. Energy Information Administration

Le scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti sono diminuite drasticamente al minimo da marzo, poiché le esportazioni sono aumentate nella settimana prima che una micidiale ondata di freddo colpisse la principale area produttrice di energia degli Stati Uniti, ha detto giovedì l’EIA.

Le scorte di greggio sono diminuite di 7,3 milioni di barili nella settimana fino al 12 febbraio, rispetto alle aspettative degli analisti per un calo di 2,4 milioni di barili. Con 461,8 milioni di barili, le scorte a livello nazionale sono le più basse da marzo.

Le scorte di benzina sono aumentate di 672.000 barili, rispetto alle aspettative degli analisti in un sondaggio Reuters per un guadagno di 1,4 milioni di barili.

Le scorte di distillati, che includono gasolio e olio combustibile, sono calate di 3,4 milioni di barili, rispetto alle aspettative di un calo di 1,6 milioni di barili, hanno mostrato i dati dell’EIA.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: