Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.864,41
    -115,91 (-0,34%)
     
  • Nasdaq

    12.939,86
    +1,74 (+0,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.942,14
    -280,63 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0098
    -0,0082 (-0,81%)
     
  • BTC-EUR

    23.132,78
    -253,86 (-1,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    557,51
    -0,22 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    19.763,91
    -158,54 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.271,04
    -3,00 (-0,07%)
     

Petrolio rimbalza a vigilia Opec+, Brent +2% a 102 dollari

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 ago. (askanews) - Cambio di rotta e rimbalzo dei prezzi del petrolio nel pomeriggio, dopo i collassi registrati ieri dalle quotazioni apparentemente a riflesso di una serie di fattori, tra cui i rinnovati timori di recessione in varie economie del mondo e quindi di debolezza della domanda. Ora, alla vigilia del vertice dei paesi produttori, si fa sentire l'aspettativa che le continue pressioni dell'amministrazione Biden per un aumento dell'offerta resteranno nuovamente inascoltate.

Il barile di Brent, il greggio di riferimento del Mare del Nord accelera in serata e rincara del 2,30% a 102,34 dollari. Il West Texas Intermediate aumenta del 2,64% a 96,37 dollari. La dinamica delle quotazioni resta soggetta a volatilità.

Intanto secondo il Financial Times Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna starebbero di fatto frenando sui loro propositi di messa al bando delle forniture di petrolio della Russia. Avrebbero infatti rinviato almeno al prossimo anno l'estromissione del greggio russo dal mercato delle assicurazioni sul trasporto marittimo, temendo problemi su approvvigionamenti globali e sicurezza energetica.

Domani si svolge una nuova riunione dell'Opec "Plus", il cartello degli esportatori di oro nero allargato ad altri produttori non allineati, a cominciare dalla Russia. Gli Usa hanno più volte chiesto di aumentare l'offerta per calmierare i prezzi e il presidente Joe Biden ha recentemente effettuato una visita di Stato anche in Arabia Saudita. Ma l'incertezza sulle prospettive dell'economia potrebbe "ovattare" le orecchie dei produttori a questi appelli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli