Italia markets close in 4 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    22.115,43
    +27,07 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,74
    +0,47 (+0,90%)
     
  • BTC-EUR

    27.324,49
    -165,24 (-0,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    674,59
    -2,31 (-0,34%)
     
  • Oro

    1.862,70
    +6,50 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.598,30
    -4,11 (-0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8883
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0775
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5441
    -0,0057 (-0,37%)
     

Petrolio: Unem, a novembre consumi -16%, in primi 11 mesi -17,1% (2)

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

I consumi di carburanti autotrazione (benzina + gasolio), con un giorno lavorativo in più, a novembre sono risultati pari a 2 milioni di tonnellate, di cui 0,4 milioni di benzina e 1,6 milioni di gasolio, con un decremento del 17,7% (-430.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2019. A pesare sui consumi di carburanti è stata l’entrata in zona rossa inizialmente di 4 Regioni (Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta e Calabria) e successivamente di altre 3 Regioni (Campania, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano), con la presenza di altre 10 in zona arancione.

Complessivamente, le zone rosse e arancioni hanno infatti rappresentato il 75% dei volumi dei carburanti erogati sul territorio nazionale nel 2019. A ciò va aggiunta la riduzione dei consumi anche nelle zone gialle dovuta alle limitazioni a diverse attività commerciali e ai divieti di spostamenti in specifiche fasce orarie. In particolare: o la benzina totale ha mostrato un calo del 27,1% (-151.000 tonnellate), analogo l’andamento della benzina venduta sulla rete (-27,7%), sempre rispetto a novembre 2019; il gasolio autotrazione evidenzia un decremento del 14,9% (-279.000 tonnellate), mentre il gasolio venduto sulla rete una flessione del 23,1%, in conseguenza di un andamento meno negativo del gasolio extra-rete usato soprattutto per il trasporto merci (-7,6%).

Ancora molto negativo per il carburante per aerei che, con un -65% rispetto allo stesso mese del 2019, non mostra alcun segnale di recupero, sebbene la componente dell’aviazione militare, ancora in forte crescita (+121,6%), abbia leggermente attenuato il drastico calo degli usi di jet fuel per l’aviazione civile (-71,6%). Tra i principali prodotti petroliferi si conferma in territorio positivo, anche per questo mese, il bitume che fa registrare un vero e proprio exploit (+59,8%), dovuto ad una generalizzata attività di manutenzione stradale anche a livello comunale e alla forte richiesta del comparto industriale. Positivi anche il gasolio agricolo (+19,9%), spinto da un mese particolarmente poco piovoso, ed i lubrificanti che confermano i segni di tenuta dei mesi precedenti (+2,8%). (segue)