Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.351,77
    +190,99 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    13.569,09
    +216,30 (+1,62%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,14
    +0,53 (+0,61%)
     
  • BTC-EUR

    33.197,23
    +570,10 (+1,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    843,25
    +0,79 (+0,09%)
     
  • Oro

    1.788,50
    -6,50 (-0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,1157
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • S&P 500

    4.375,07
    +48,56 (+1,12%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8330
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0383
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4248
    +0,0059 (+0,42%)
     

Più vaccinati, meno morti: il grafico dell'Ecdc a prova di No Vax

·4 minuto per la lettura
Grafico Ecdc (Photo: Grafico Ecdc)
Grafico Ecdc (Photo: Grafico Ecdc)

La Commissione europea ha pubblicato lo scorso 23 novembre un grafico sul suo profilo Facebook che dimostra quanto le vaccinazioni siano fondamentali per combattere i decessi a causa del Covid-19. I dati mostrano chiaramente che più è alto il tasso di vaccinazione, più basso è il tasso di mortalità. Viceversa, nei Paesi dove la copertura vaccinale è più bassa, il numero di morti per abitante è molto più alto.

Nella tabella sono messi a confronto la percentuale di vaccinati con due dosi sulla popolazione totale e il numero di morti per milione di abitanti, nel periodo degli ultimi 14 giorni. I dati sono raccolti dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). “La conclusione è chiara - scrive su Facebook la Commissione europea -. Le persone completamente vaccinate hanno meno probabilità di morire di Covid19 rispetto a quelle che non sono vaccinate. I dati mostrano anche che le persone vaccinate hanno meno probabilità di essere ricoverate in ospedale a causa del Covid. La vaccinazione ci aiuta contro i sintomi gravi del Covid”.

Come si può vedere dal grafico, la situazione peggiore si registra in Bulgaria. In questo Paese la percentuale dei vaccinati è del 29%, mentre le morti per Covid sono state 325 per milione di abitanti. Appena sopra si trova la Romania, dove a fronte di una copertura vaccinale del 43% della popolazione, le morti per Covid sono state 267 per milione di abitanti. Queste due ultime posizioni non stupiscono. Solo pochi giorni fa in Romania decine di cadaveri non trovavano posto negli obitori e venivano ammassati in corridoi e giardini pubblici. I due Paesi stanno affrontando una diffusione del virus e un’impennata dei contagi nelle ultime settimane che stanno mettendo in seria difficoltà le strutture sanitarie.

In tutta l’Europa orientale, dove sono di meno le persone immunizzate, si registrano più decessi. Sopra Romania e Bulgaria c’è la Slovacchia, dove con il 54% della popolazione vaccinata, i morti sono 29 per milione. In Croazia i morti sono 168 e i vaccinati il 55%. In Polonia ci sono 49 morti per milione di abitanti a fronte del 62% di immunizzati. In Slovenia i decessi sono 56, con il 64% di popolazione completamente vaccinata. In Lettonia la situazione è peggiore: 266 i morti per milione di abitanti a fronte del 66% di popolazione vaccinata. In Estonia i morti sono 113 con una percentuale del 67% di vaccinati. In Ungheria gli immunizzati sono il 68% della popolazione e i decessi sono 135 di abitanti. Nella vicina Repubblica Ceca i morti sono 69 e i vaccinati il 69%.

Abbastanza diversa è la situazione invece nei Paesi occidentali dell’Ue, dove i tassi di vaccinazione sono più alti. In Grecia, a fronte del 72% di popolazione immunizzata, si registrano 75 decessi ogni milione di abitanti. Stessa percentuale di vaccinati in Lituania, ma sono 69 i morti. In Austria, sebbene i contagi siano saliti nelle ultime settimane, la situazione è migliore. I decessi per milione di abitanti sono 35 a fronte del 74% di immunizzati. 13 i morti in Lussemburgo, dove la popolazione vaccinata è il 76%. A Cipro, a fronte di una copertura dell’80% degli abitanti, i morti per milione sono cinque. In Olanda con l’81% dei vaccinati i decessi sono 17 per milione di abitanti.

Seguono poi Francia e Germania, entrambi con un tasso di copertura vaccinale dell’81%. I decessi ogni milione sono rispettivamente 7 e 20. L’Italia vanta una delle situazioni pandemiche migliori in Europa, grazie alla copertura vaccinale molto alta. La popolazione vaccinata con due dosi è l’82% su tutta la popolazione e i morti sono stati solo 9 ogni milione di cittadini. Seguono poi Svezia e Finlandia, che hanno l’83% di popolazione completamente immunizzata. Molto basso il numero di morti, rispettivamente 3 e 7. In Spagna i morti sono 4 e i vaccinati l’84%. In Belgio, che ha l’87% di popolazione vaccinata, i decessi sono 29. In Danimarca c’è l’89% di abitanti immunizzati e i decessi sono 10. Malta detiene il record di zero morti, a fronte di una una percentuale del 92% di popolazione vaccinata. Secondo posto per il Portogallo, dove i decessi sono stati 10 e il 92% della popolazione è immunizzata. Primo posto infine per l’Olanda: a fronte del 93% di persone vaccinate, sono stati 15 i morti per milione di abitanti.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli