Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,94 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,38 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2132
    -0,0037 (-0,30%)
     
  • BTC-EUR

    45.759,53
    -2.330,02 (-4,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.461,95
    -99,35 (-6,36%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     

Piaggio: nel primo trimestre utile triplicato, ricavi al top dal 2007

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 apr. (askanews) - Il gruppo Piaggio ha chiuso il primo trimestre 2021 con ricavi pari a 384,7 milioni di euro, in crescita del 23,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, un ebitda di 56 milioni (+40,8%) e un utile netto pari a 11,1 milioni, più che triplicato rispetto ai 3,1 milioni di fine marzo 2020.

"Il Gruppo Piaggio - ha commentato il presidente e Ad Roberto Colaninno - ha archiviato il primo trimestre 2021 con risultati molto positivi a livello globale. I nostri marchi italiani sono sempre più apprezzati per il design, lo stile e la tecnologia; le vendite delle due ruote hanno registrato un incremento del +35% rispetto al 31 marzo 2020 e del +22% rispetto al 31 marzo 2019. I ricavi consolidati sono stati i più elevati dal 2007, e sia l'ebitda che il risultato netto hanno raggiunto nel primo trimestre i migliori valori di sempre".

La posizione finanziaria netta, pari a -448,6 milioni, è in miglioramento di 100,1 milioni rispetto allo stesso periodo dell'anno passato. Nel periodo sono stati venduti nel mondo 135.000 veicoli (+15,3%) e gli investimenti sono ammontati a 35,6 milioni, in aumento del 24,8%.

"La forte generazione di cassa, avuta anche grazie a un'attenta gestione del capitale circolante, ha permesso di realizzare una significativa riduzione del debito di oltre 100 milioni rispetto al primo trimestre del 2020 - ha sottolineato Colaninno - Non possiamo però non tenere in considerazione che la pandemia Covid è ancora un rischio e quindi continuiamo a monitorare con grande attenzione ogni mercato. Indubbiamente il subcontinente indiano sta soffrendo e, come sempre, manterremo alta l'attenzione alla responsabilità sociale; il mercato riprenderà come e meglio di prima".