Piazza Affari è chiamata ora ad una prova molto importante

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
F16,000,07
BCE.TO48,960,23
LUX.MI40,710,40
FTSEMIB.MI21.613,30+78,78
^FCHI4.431,81+26,15

La prima seduta della nuova settimana è stata vissuta in maniera contrastata dalle Borse europee che non sono riuscite a muoversi tutte nella stessa direzione. Il Dax30 si è mosso in controtendenza chiudendo gli scambi in flessione dello 0,32%, mentre il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) e il Ftse100 si sono apprezzati rispettivamente dello 0,07% e dello 0,15%. Ad avere la meglio su tutti è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) mettere a segno un rialzo dello 0,96% a 17.987 punti, dopo aver toccato un massimo a 17.924 e un minimo a 17.756 punti. Prosegue l’avanzata del mercato domestico che quest’oggi è arrivato a segnare nuovi massimi dell’anno e grazie alla tenuta di area 17.750/17.700 si è spinto a lambire la soglia dei 18.000 punti. E’ questo il livello con il quale l’indice dovrà misurarsi e vista l’importanza di questa soglia di prezzo non è da escludere che in corrispondenza di questa si possa assistere a delle prese di profitto. La mancata violazione di area 18.000 troverà un primo valido supporto in area 17.750/17.700, persa la quale bisognerà spostare l’attenzione sul sostegno successivo dei 17.500/17.400. L’eventuale cedimento anche di questa soglia di prezzo aprirà le porte a ripiegamenti più marcati in direzione dei 17.300/17.200, oltre i quali si approderà in area 17.000, senza escludere eventuali estensioni ribassiste fin verso i 16.800 punti nella peggiore delle ipotesi. Il mercato si sta approssimando ora a dei livelli di resistenza molto importanti che a nostro avviso difficilmente saranno superati in prima battuta. Qualora però ciò dovesse accadere si apriranno spazi di crescita anche nell’ordine di 2.000 punti, con obiettivo l’area dei 20.000 punti, da raggiungere nel medio periodo. In caso contrario saranno da mettere in conto correzioni con possibile target l’area dei 16.500/16.200, senza che questo vada a inficiare la tendenza rialzista in essere.

, Per la prossima seduta, sul fronte macro Usa si segnala l’indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa, con riferimento alle prime quattro settimane di gennaio. In calendario anche l’indice S&P Case-Shiller che in riferimento al mese di novembre dovrebbe mostrare una variazione positiva del 5,6% rispetto al 4,3% precedente, mentre la fiduia dei consumatori di gennaio si prevede un dato pari a 64 punti di 65,1 di dicembre. Sul versante societario segnaliamo che prima dell’avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i risultati degli ultimi tre mesi di Eli Lilly e di Ford Motor (NYSE: F - notizie) , dai quali ci si attende un utile per azione rispettivamente di 0,79 e di 0,26 dollari. In agenda anche i conti trimestrali di Pfize che per non deludere le attese dovrà centrare l’obiettivo di un utile per azione di 0,44 dollari, mentre in serata, dopo la chiusura dei listini, l’attenzione si sposterà su Amazon che presenterà i conti degli ultimi tre mesi, conun eps atteso di 0,28 dollari. In Europa non sono previsti dati macro di rilievo e in calendario troviamo un discorso di Peter praet, membro della BCE (Toronto: BCE.TO - notizie) , insieme al quale prenderà la parola Joerg Asmussen, anch’egli membro del Board guidato da Draghi. A Piazza Affari tra le blue chips i riflettori saranno puntati su Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) che presenterà i dati preliminari dell’esercizio 2012. Da seguire anche l’asta dei titoli di Stato visto che saranno offerti dal Tesoro BOT con scadenza a sei mesi per un ammontare di 8,5 miliardi di euro.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito