Piazza Affari è ben impostata per nuovi slanci rialzisti

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^FCHI4.479,54+28,46

La settimana si è conclusa con una seduta contrastata per le Borse europee che hanno vissuto una giornata senza particolari scossoni, fermandosi a poca distanza dalla parità. Il Ftse100 ha ceduto lo 0,09%, mentre il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) ha terminato gli scambi sui valori del close della vigilia, preceduto dal Dax30 che è salito dello 0,19%. A mettere a segno la migliore performance è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) terminare le contrattazioni a 15.908 punti, in rialzo dello 0,26%, dopo ave toccato un massimo a 15.941 e un minimo a 15.811 punti. Positivo anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha segnato un rialzo dell‘1,33% rispetto alla chiusura del venerdì precedente. In apertura di settimana il Ftse Mib è stato clpito da forti vendite sulla scia dell’incertezza politica che ha spinto le quotazioni fino all’area dei 15.100 punti, da cui però è partito un recupero che ha permesso di riconquistare dapprima i 15.500. Da questo livello si è avuto un ulteriore allungo che ha visto l’indice avvicinare nelle ultime due sedute l’aea dei 16.000 punti, rimasta inviolata per il momento. Il mercato ha dato vita ad un’ottima reazione dopo le vendite che lo avevano costretto a ripiegare dall’area dei 15.100. A questo punto la prosecuzione degli acquisti è da condizionare al superamento dell’ostacolo in area 16.000 punti, oltre la quale ci sarà spazio per un test dei recenti massimi di periodo in area 16.200. Se il Ftse Mib riuscirà ad avere ragione anche di questo livello, allora si candiderà ad estensioni rialziste verso i 16.500 e i 16.700, prima di mettere nel mirino i massimi dell’anno in area 17.000/17.150 punti.

, Fino a quando le quotazioni si manterranno al di sotto dei 16.000 punti, l’indice potrebbe anche prestare il fianco a delle prese di profitto. In questa direzione un primo sostegno lo possiamo individuare in area 15.800/15.700, la violazione della quale aprirà le porte ad una flessione in direzione dei 15.500 punti. L’eventuale cedimento di questa soglia di prezzo costringerà a spostare l’attenzione sui 15.250 prima e in seguito sui 15.100/15.000, dove in prima battuta si dovrebbe assistere ad una ripresa degli acquisti. In generale il mercato è riuscito a riconquistare la buona intonazione già evidenziata prima dello shock provocato dalla crisi politica. Il Ftse Mib ha quindi le carte in regola per proseguire lungo la via dei guadagni, ma dopo quattro sedute positive consecutive non saranno da escludere eventuali ripiegamenti che potrebbero portare ad una fase di consolidamento prima di ulteriori salite. Per la prima seduta della prossima settimana, sul fronte macro americano si segnalano i flussi netti di capitale esteri e ancor più rilevante sarà l’indice New York Empire State Manufacturing che in riferimento al mese di dicembre dovrebbe attestarsi a -0,5 punti, in recupero rispetto alla lettura di novembre fermatasi a -8 punti. Sempre in America si segnala un discorso di Jeffrey Lacker, presidente della Fed di Richmond (Berlino: RC9.BE - notizie) . In Europa si segnala il dato sulla bilancia commerciale di ottobre e il costo unitario del lavoro riferito al terzo trimestre. Nel pomeriggio si segnala l’audizione del presidente della BCE, Mario Draghi, al Parlamento europeo. A Piazza Affari saranno da seguire i titoli del settore petrolifero dopo che i prezzi dell’oro nero si sono spinti in direzione degli 87 dollari al barile in chiusura di settimana.

, Lunedì staccherà il dividendo straordinario Mid Industry Capital nella misura di 4,74 euro per azione ed è è previsto inoltre l’investor day di Datalogic che si terrà a Milano alle ore 11.30.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 22:32 CEST
Nikkei 225 14.404,99 0,97%  

Ultime notizie dai mercati