Piazza Affari è a ridosso di un livello spartiacque cruciale

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AZM.MI22,90+1,35
PC.MI12,230,20

Di seguito riportiamo un’intervista realizzata ad Enrico Malverti, trader quantitativo e analista di Private & Consulting. L’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) è sceso in più di un’occasione a testare l’area dei 15.000 punti, per poi dare vita ieri ad un rimbalzo poco sopra i 15.300. Ritiene che sia stato raggiunto un minimo di periodo da cui ripartire? Ritengo che 15000 punti sia oramai diventato lo spartiacque tra l’ipotesi di un rally di fine anno che ci possa riportare in area 16500 punti e l’inizio di una nuova fase ribassista. Al momento il calcolo delle probabilità su base quantitativa indica la possibilità di un rimbalzo come la più realistica. Il mercato però potrebbe stupirci, molte sono le incognite ancora legate a Spagna, Portogallo, Grecia e la stessa Italia, con un debito pubblico inarrestabile potrebbe tornare nell’occhio del ciclone… Non dimentichiamoci della tobin Tax che se venisse approvata così come è stata approvata sarebbe una mazzata che anziché frenare la volatilità e gli attacchi speculativi sull’Italia potrebbe essere un boomerang pazzesco.

Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) e Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) hanno messo a segno un vivace rally dopo la diffusione dei risultati trimestrali. Il recupero dei due titoli è destinato a proseguire nel breve? Quali indicazioni ci può fornire per entrambi? Unicredit come sa bene chi mi legge, è tra i bancari il mio titolo preferito, ha una forte area di supporto a 3.20 € e al momento si mantiene laterale ma più forte degli altri titoli del settore, acquisti in quest’area possono contare su un rapporto rischio/rendimento favorevole con target a 3.80 € e nel caso di superamento dei massimi target successivo a 4.20 €. Un cedimento del supporto sarebbe invece un segnale di forte negatività con proiezione sui minimi di luglio.

, Anche Intesa San Paolo ha tovato supporto a 1.17 € e potrebbe riportarsi prima della fine dell’anno in area 1.30 €.

Fiat Auto (Milano: F.MI - notizie) è arrivato a lambire l’area dei 3,3 euro da cui ha dato vita ad un primo recupero, mentre Fiat Industrial si sta comportando decisamente meglio, mantenendosi al di sopra di quota 8 euro. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli? Fiat è proprio su un supporto fondamentale e potrebbe rimbalzare in modo deciso ma rimane uno dei titoli più deboli del listino, il settore auto difficilmente potrà uscire a breve dalla crisi, sarei molto prudente ed opererei con logica di mordi e fuggi. Fiat Industrial è tecnicamente meglio impostato e ha un target a 8.40 €. Il supporto chiave è a 7.60 €.

Nella seduta di ieri Pirelli (Milano: PC.MI - notizie) è stato penalizzato dopo i conti trimestrali, ma tra gli industriali ha perso terreno anche Finmeccanica (Xetra: A0ETQX - notizie) . Come valuta l’impostazione di questi due titoli e quali indicazioni ci può fornire per entrambi? Per Pirelli valgono considerazioni fatte anche per altri titoli, siamo sul supporto a 8.17 € ed abbiamo elevate probabilità di assistere ad un rimbalzo verso 8.50 €, ma il titolo ha un trend a rischio per cui anche in questo caso opererei in ottica di mordi e fuggi. Anche Finmeccanica ha un supporto a 3.60 € e un target in caso di rimbalzo, probabile al 63% verso 3.85 €.

In caso di ulteriori recuperi del mercato, quali sono i titoli che potrebbero performare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora? Occhi puntati ancora su Azimut (Milano: AZM.MI - notizie) , le giornate correttive sono al momento tutte occasioni di acquisto finché saremo sopra al supporto a 9.50 €. A seguire ritengo interessante Tod’s , Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) e Atlantia (EUREX: AOPG.EX - notizie) , quest’ultima con un trend rialzista molto pronunciato.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00%  

Ultime notizie dai mercati