Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.106,33
    -35,80 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Piazza Affari allunga, male Bper dopo la corsa degli ultimi giorni

(Adnkronos) - Giornata positiva per le Borse europee, in scia con quelle americane. L’idea degli investitori è che alla fine l’esito delle elezioni di midterm negli Stati Uniti possa fornire le base per un rally, con guadagni diffusi. Il governo Biden, però, potrebbe uscirne anche molto indebolito, visto che i Repubblicani di Donald Trump rimangono i favoriti di questa tornata.

A Milano il Ftse Mib guadagna lo 0,86% e arriva a 23.694,17 punti. Ancora in calo lo spread tra Btp e Bund tedeschi, attorno ai 211 punti base. Sul listino principale di Piazza Affari brilla Cnh (+5,74%). I risultati finanziari dei primi nove mesi dell’anno parlano di ricavi e redditività in forte miglioramento. Bene anche Amplifon (+3,90%), Interpump (+3,18%), Moncler (+2,07%), Snam (+1,82%) e Stm (+4,36%).

In coda al listino, invece, Bper, che perde il 7,68% dopo che il titolo era stato protagonista di una vera e propria corsa nell’ultimo mese. La banca ha comunicato i risultati finanziari dei primi nove mesi dell’anno, con un generale miglioramento delle principali voci di conto economico. Il management ha segnalato che la redditività dell’istituto continuerà ad essere sostenuta da ricavi in crescita, con l’istituto che beneficerà del rialzo dei tassi di interesse e della buona tenuta delle commissioni nette. Il risultato, superiore alle attese, non evita il tonfo. Probabilmente il titolo è stato oggetto di prese di beneficio dopo la cavalcata dell'ultimo mese, durante il quale ha guadagnato circa il 30%, superando la soglia dei due euro ad azione.

Lo stesso potrebbe essere valso per Tim, che perde il 2,18%. Male anche Leonardo (-4,16%), Banco Bpm (-2,63%), Fineco (-1,92%) e Tenaris (-2,02%). (in collaborazione con Money.it)