Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.825,32
    -159,76 (-1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Piazza Affari ancora debole, trascinata da Wall Street

(Adnkronos) - Ancora una giornata negativa per Piazza Affari e per la maggior parte delle Borse europee, trascinate in basso dagli scambi a Wall Street. Negli Stati Uniti la vittoria dei repubblicani alla Camera consegna un Congresso spaccato in due, indebolendo il governo di Joe Biden, ma meno del previsto. L'Eurozona ha registrato un'inflazione al 10,6%, meno delle attese, ma comunque elevata nel dato annuale. L'euro-dollaro, poi, scende, con il biglietto verde che ha ripreso forza sulla moneta unica.

A Milano il Ftse Mib perde lo 0,78% e chiude a 24.339,67 punti. Ancora in leggero rialzo lo spread tra Btp e Bund tedeschi, ma sempre sotto quota 200, attorno ai 195 punti base. Il rendimento del titolo decennale rimane sotto al 4%. Sul listino principale di Piazza Affari in positivo solo Campari (+1,78%), Unipol (+0,21%), Bper (+0,35%), Unicredit (+0,20%), Fineco (+0,65%) e Atlantia (+0,31%). Quest’ultima ha diffuso i risultati definitivi dell’opa lanciata da Schema Alfa. Sono state portate in adesione 448.016.930 azioni Atlantia, pari al 54,254% del capitale. Schema Alfa arriverà a detenere l'87,354% del capitale. Per le rimanenti condizioni dell'offerta i termini verranno riaperti nelle sedute tra il 21 e il 25 novembre 2022.

In coda, invece, Saipem (-5,84%). Gli analisti di Berenberg hanno aumentato il prezzo obiettivo sulla società di ingegneristica, ma il titolo va in estrema volatilità soffrendo il ribasso del valore del petrolio. Male anche Tim (-1,19%), dopo la notizia delle dimissioni di Frank Cadoret, rappresentante di Vivendi, che è azionista di maggioranza relativa. Cala poi il titolo Stellantis (-1,00%), dopo aver annunciato di aver acquisito aiMotive, società che si occupa di intelligenza artificiale da applicare alla guida autonoma e con immatricolazioni in flessione. In negativo, infine, pure Enel (-2,70%), Eni (-1,89%), Leonardo (-3,06%), Iveco (-1,43%) e Tenaris (-2,83%). (in collaborazione con Money.it)