Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.209,66
    +335,42 (+0,99%)
     
  • Nasdaq

    14.374,41
    +102,68 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    29.244,30
    +1.263,52 (+4,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    838,97
    +52,35 (+6,66%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.269,10
    +27,26 (+0,64%)
     

Piazza Affari appesantita da stacco cedole, bene Saipem e Poste

·1 minuto per la lettura

Oggi i mercati si muovono a ridosso della parità. L'azionario UE in avvio di giornata si è portato nei pressi dei massimi assoluti con l'Euro Stoxx 600 arrivato fino a 445 punti, a un soffio dai top assoluti. I mercati sono orfani degli operatori tedeschi e svizzeri (chiusi per festività), mentre a Milano le quotazioni sono condizionate dal dividend day con stacco cedola per ben 18 titoli del Ftse Mib con un impatto sull'indice guida del listino milanese nell'ordine dello 0,89%. L'indice Ftse Mib si muove così in ribasso a 24.844 punti (-0,52%). Tra i titoli di maggior peso si segnala il quasi -5% di Generali proprio in virtù dello stacco della corposa cedola (1 euro per azione). Stesso discorso per Italgas (-5,28%) e Unipol (-3,8%). In rialzo Saipem (+0,98%) in scia al movimento del petrolio che guadagna terreno dopo le perdite della scorsa settimana dovute alla scommesse di un ritorno dell'offerta iraniana sul mercato. Il presidente iraniano avrebbe detto, secondo alcune indiscrezioni, che gli Stati Uniti sarebbero pronti a ritirare le sanzioni imposte sui settori petrolifero, bancario e di spedizioni. In buon rialzo anche Poste (+0,83%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli