Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    39.898,65
    -598,88 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Piazza Affari chiude a -0,69%, debole Poste prima dei conti. Male anche le utility

Redazione Finanza
·2 minuto per la lettura

Giornata opaca per Piazza Affari. Il Ftse Mib ha chiuso a 23.440 punti, in calo dello 0,69%. Inizia a preoccupare l'ascesa dei rendimenti dei Treasury USA, arrivati a 1,275%, sui massimi ad un anno complice l'aumento delle attese di una spirale reflattiva. IL sell-off ha riguardato anche i titoli di Stato europei con il rendimento del Btp a 10 anni risalito allo 0,55% nel giorno del collocamento record dei nuovi Btp a 10 anni e Btp a 30 anni indicizzato all'inflazione (domanda per 134 mld). Tra i titoli più in difficoltà oggi a Piazza Affari spiccano le utility, penalizzate proprio dal rialzo dei rendimenti sull'obbligazionari. Enel ha ceduto l'1,91%, calo dell'1,93% per Italgas e dell'1,7% per Terna. Tra le banche male oggi Banco Bpm (-1,28%) e Bper (-1,46%), due dei migliori in questa prima parte di 20201 sull'onda del susseguirsi di rumor e dichiarazioni che le mettono al centro del prossimo round di M&A bancario. In calo anche Intesa Sanpaolo (-0,24%) che risulta la top pick di Credit Suisse tra le banche del Sud Europa con prezzo obiettivo posto a 2,5 euro. Vendite anche su Poste Italiane (-1,21%), anch'essa tra i titoli più gettonati dagli investitori nelle ultime settimane. La società guidata da Del Fante comunicherà domani i numeri (con una conference call a partire dalle 14:30). Gli analisti di Banca Akros mantengono la raccomandazione buy e target price di 10 euro su Poste Italiane e si attendono un quarto trimestre pressoché stabile a livello di utile operativo. Male infine Buzzi Unicem (-1,1%) nonostante la doppia promozione da parte di Barclays. Gli esperti della banca inglese hanno migliorato la raccomandazione sulla big del cemento da underweight a equal weight e hanno alzato del 25% il target price che passa da 20 a 25 euro. Gli analisti hanno anche rivisto al rialzo dell'1% le previsioni sull'Ebitda 2020-2022 e hanno sottolineano che "il titolo non appare caro".