Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.802,40
    +786,27 (+2,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.790,10
    -3,00 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

Piazza Affari chiude male: STM -4,5%, si salva Enel

·2 minuto per la lettura

Incipit di settimana con segno meno per Piazza Affari. Dopo una prima parte di giornata sostanzialmente positiva, il Ftse Mib chiude a 27.353 punti, in calo dello 0,96%. A pesare è la nuova salita dei rendimenti dei Treasury a 10 anni che oggi hanno superato l'1,8% per la prima volta dal gennaio del 2020. Gli analisti di Goldman Sachs prevedono che la Federal Reserve alzerà i tassi sui fed fund quattro volte quest'anno e inizierà a ridurre il bilancio prima del previsto. I rapidi progressi nel mercato del lavoro statunitense e i segnali da falco arrivati dalle minute del Federal Open Market Committee del 14-15 dicembre suggeriscono una normalizzazione più rapida", asserisce Goldman Sachs che ai rialzi più previsti a marzo, giugno e settembre adesso ha aggiunto anche un 4° aumento del costo del denaro a dicembre. Il sell-off pronunciato sui tecnologici pesa su STM che cede il 4,53% a 42,37 euro. Molto male a -4% circa Intermpump. Il ceo Montipò teme più la pandemia e i possibili impatti sui lockdown piuttosto che l’inflazione, gestibile con incrementi prezzo. Sul target strategico di 2 mld di euro di vendite, Montipò vede un obiettivo raggiungibile nel 2023 rispetto al consensus di fatturato di 1,57 mld al 2021 e 1,85 mld al 2022. A detta degli analisti di Equita l’obiettivo è alla portata considerando che ci sarà molto probabilmente ulteriore M&A. Peggior titolo di giornata è stato Nexi con -4,77%. Tra i peggiori anche Diasorin con -4,33%. Tra le banche Bper strappa un moderato rialzo (+0,34%) in attesa degli sviluppi sul fronte Carige con le ultime indiscrezioni che parlano di un rilacio dell'offerta da parte della banca modenese. Calo dell'1,82% per Ferrari dopo l'annuncio della nuova struttura organizzativa volta a rendere la società più pronta a cogliere le prossime opportunità. “Vogliamo spingere più avanti i confini in tutte le aree, utilizzando la tecnologia in una modalità unica e propria di Ferrari”, ha dichiarato Benedetto Vigna, CEO di Ferrari. Si segnala in positivo il +0,3% di Enel che si riavvicina ai 7 euro con Goldman Sachs che la indica tra le sue utility preferite per il 2022. Intanto le ultime indicazioni stampa vedono il governo al lavoro per ulteriori stanziamenti per 3 mld di euro per ridurre il peso dell'aumento delle bollette. Gli analisti non si aspettano impatti rilevanti per le società del settore energia. Bene anche Leonardo con +1,86%. A dare slancio al titolo è la decisione del governo di stanziare 2 miliardi per il programma Tempest, il nuovo cacciabombardiere lanciato nel 2018 da Italia, Regno Unito e Svezia. La cifra stanziata riguarda prima fase del programma prevede la valutazione, l'analisi e la progettazione preliminare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli