Italia markets open in 8 hours 37 minutes
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,72 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,83 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,17 (+1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1310
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    43.669,33
    -153,16 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,21 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     

Piazza Affari chiude positiva, Telecom Italia ed Enel in focus

·2 minuto per la lettura

Seduta decisamente altalenante per Piazza Affari: dopo un avvio positivo ed un ritracciamento a metà seduta, il listino di Milano è riuscito a terminare con il segno più. Sul Ftse Mib, che ha chiuso in aumento dello 0,63% a 27.109,3 punti, Telecom Italia (+15,63%) è tornata a salire, avvicinandosi agli 0,505 euro che potrebbero essere messi sul piatto da KKR, grazie ai rumor di un possibile rilancio nell’ordine di 70-80 centesimi.

Seduta positiva anche per Enel (+2%), che nel nuovo piano strategico al 2024 stima una crescita del dividendo del 13%, e per UniCredit (+2,97%), su cui S&P ha incrementato l’outlook a “positivo”. L’agenzia ha alzato le prospettive sul merito di credito anche di Mediobanca (-0,02%), e Intesa Sanpaolo (+0,02%).

Nel giorno della scomparsa del fondatore e presidente onorario Ennio Doris, Banca Mediolanum ha terminato la seduta con un +2,91%.

Tra le performance negative troviamo Stellantis (-1,19%), STMicroelectronics (-0,42%) ed Eni (-0,08%). Quest’ultima ha dovuto fare i conti con il ritorno della debolezza sul Brent che, dopo il rally di ieri innescato dal rilascio delle scorte strategiche statunitensi, vede il future con consegna febbraio scendere dello 0,4% a 81 dollari il barile. Prese di beneficio su Inwit (-0,71%), che nelle ultime sedute ha capitalizzato possibili ricadute dell’operazione KKR-TIM.

Per quanto riguarda l’agenda macro, indicazioni negative sono arrivate dall’indice tedesco Ifo, sceso a novembre da 97,7 a 96,5 punti, e dal secondo aggiornamento relativo la crescita economica USA del terzo trimestre, rivista dal 2 al 2,1% (stime a 2,2%). Meglio del previsto il dato sulle nuove richieste di sussidio, scese nell’ultima settimana sotto quota 200 mila unità (199 mila), il livello minore dal 1969. (in collaborazione con money.it).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli