Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.852,99
    -1.245,84 (-4,60%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,04 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,57 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.751,62
    -747,66 (-2,53%)
     
  • Petrolio

    68,15
    -10,24 (-13,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.792,50
    -4.639,14 (-8,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.365,60
    -89,82 (-6,17%)
     
  • Oro

    1.785,50
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1320
    +0,0108 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    24.080,52
    -659,64 (-2,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,58
    -203,66 (-4,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8488
    +0,0076 (+0,91%)
     
  • EUR/CHF

    1,0440
    -0,0043 (-0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4471
    +0,0296 (+2,09%)
     

Piazza Affari chiude in positivo sopra i 27mila punti (+1,23%): brillano Eni e Tenaris, ancora male Nexi

·1 minuto per la lettura

Novembre comincia con il piede giusto per Piazza Affari: la seduta di lunedì si è chiusa a quota 27.206 punti, facendo segnare un rialzo dell'1,23%. Bene energia e petrolio, con i titoli di Eni (+2,76%) e Tenaris (+2,7%) sugli scudi. Prosegue invece il momento no di Nexi (-2,7%). A Milano non a caso il titolo migliore tra quelli a elevata capitalizzazione è Eni che anche sulla solidità del prezzo del petrolio cresce di quasi il 3% insieme a Tenaris. Bene anche Recordati (+2%), con Fineco in aumento del 2,24% e Saipem in rialzo dell'1,6%. Fiacca invece Exor che oscilla attorno alla parità (-0,49%), con Unicredit in calo di circa mezzo punto percentuale. Vendite su Nexi, che cede quasi il 3% a 14,6 euro e che prosegue nel suo periodo negativo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli