Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.280,55
    -1.901,23 (-5,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Piazza Affari chiude in rialzo

·2 minuto per la lettura

Le indicazioni arrivate dal mercato del lavoro USA spingono al rialzo Piazza Affari. I dati più importanti del mese, quelli relativi tasso di disoccupazione e nuove buste paga negli Stati Uniti, sono risultati peggiori del consenso: il primo è salito dal 6 al 6,1 per cento mentre le seconde, stimate in aumento di circa 1 milione di unità, sono cresciute di 266 mila unità.

Ma se indicazioni migliori delle stime avrebbero avvicinato il momento di una stretta monetaria, la constatazione che il supporto della Federal Reserve, e di riflesso delle altre banche centrali, è ancora necessario ha finito per favorire gli acquisti sulle piazze finanziarie. Insomma, è tornato d’attualità il refrain “ 'bad news is good news”.

“I dati deludenti sul mondo del lavoro statunitense confermano le strategie ultra-accomodanti del presidente della FED, Jerome Powell”, ha commentato Filippo Diodovich, senior strategist di IG Italia. “E’ troppo presto per iniziare le exit strategy dalle misure non convenzionali portate avanti dalla commissione operativa dell’istituto centrale”.

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha chiuso la settimana a 24.612,04 punti (+0,48%), la performance migliore è stata registrata da Unipol (+3,3%), che la prossima settimana alzerà il velo sui conti. Parità per le azioni Enel che, dopo una prima parte all’insegna delle vendite ha chiuso con un +0,01%.

Il colosso elettrico ha annunciato di aver chiuso il primo trimestre con un Ebitda ordinario in contrazione del 12,3% a 4,16 miliardi di euro. Il dato è in linea con il consensus degli analisti. La società ha confermato i target 2021 ed annunciato di aver aumentato gli investimenti per accelerare ulteriormente il processo di decarbonizzazione del gruppo.

Piatta anche Banco Bpm (-0,04%), che ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 100 milioni di euro (consenso 85 mln), e segno meno per Leonardo (-1,03%), nonostante ricavi in crescita e redditività in miglioramento.

Nuovo incremento per lo spread Btp-Bund che, causa il ritorno del rendimento del nostro Btp in quota 1% (oggi è stato toccato un massimo intraday allo 0,989%), è salito di quasi il 4% a 113 punti base. (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli