Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,1636
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • BTC-EUR

    55.018,41
    +1.960,78 (+3,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,22
    +17,87 (+1,22%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

Piazza Affari chiude in rosso, è il petrolio il gran protagonista

·1 minuto per la lettura

Chiusura in rosso per le borse europee che, dopo aver azzerato le perdite a metà seduta, nel corso della seconda parte hanno pagato pegno alle vendite che si sono abbattute sui listini USA. Gran protagonista di giornata è stato il petrolio che, alla terza seduta consecutiva di guadagni ha visto il future con consegna dicembre sul Brent riportarsi ai massimi da tre anni a 82 dollari al barile.

Sul Ftse Mib, che ha terminato a 25.460,8 punti (-0,6%), l’impennata del greggio si è riflessa sui titoli del comparto energetico: Saipem ha terminato con un +2,89%, Tenaris ha segnato un +2,8% ed Eni un +1,39%.

Giornata positiva anche per Leonardo e Moncler (+1,57 e +1,14% per cento rispettivamente) e, tra le aziende di pubblica utilità, segno più per A2A (+1,16%) ed Enel (+0,13%).

In attesa di novità per quanto riguarda il management del Leone di Trieste, oggi è iniziata l’Opa di Generali (-0,19%) su Cattolica Assicurazioni (+0,21%). Giornata negativa per Stellantis (-0,8%), che a settembre ha registrato un calo delle immatricolazioni di oltre 40 punti percentuali (-41,5%, contro il -32,7% del mercato).

Lettera anche sul terzetto formato da Intesa Sanpaolo (-1,12%), UniCredit (-1,15%) e Banco BPM (-1,33%).

In scia della debolezza del Nasdaq, particolarmente sensibile al rialzo dei rendimenti dei bond (il Treasury a 10 anni ha visto il dato salire dell’1% all’1,482%), le azioni STMicroelectronics hanno segnato l’andamento peggiore con un -3,4%.

Lo spread Btp-Bund ha confermato la correlazione inversa con le piazze azionarie salendo di 1 punto percentuale a 105 punti base. (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli