Italia markets open in 1 hour 40 minutes
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2183
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    27.440,03
    -49,69 (-0,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    678,97
    +2,21 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    30.041,41
    +593,56 (+2,02%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     

Piazza Affari chiude in rosso all'indomani dell'accordo Ue. L'euro forte penalizza Moncler

simone borghi
·2 minuto per la lettura

La festa per l'accordo Ue sul Recovery Fund è già finita per i mercati. Piazza Affari ha chiuso la seduta odierna in territorio negativo, in linea con gli altri listini europei, all'indomani dell'accordo storico sul Recovery Fund. Gli investitori tornano a volgere lo sguardo alla pandemia, con il continuo aumento dei casi soprattutto negli Stati Uniti, alimentando l'incertezza per il futuro dell'economia globale. A questo si aggiungono le rinnovate tensioni tra Washington e Pechino dopo che gli Usa hanno ordinato la chiusura del consolato cinese nella città di Houston, in Texas, con la necessità di proteggere la proprietà intellettuale americana. Non a caso l'oro continua ad essere acquisto, con i contratti saliti fino a quota 1.857 dollari l'oncia, record in nove anni. In questo quadro, l'indice Ftse Mib ha terminato con una flessione dello 0,6% a 20.598,78 punti. Tra i titoli di Piazza Affari, male Moncler tra i peggiori del listino principale con un ribasso del 2,6% penalizzato probabilmente dall'euro forte. La moneta unica è salita ulteriormente avvicinandosi alla soglia di 1,16 dollari, dopo che aveva già testato alla vigilia il record dal gennaio del 2019. Vendite anche su DiaSorin (-1,9%) in scia alla notizia di un'inchiesta avviata dalla Procura di Pavia sull'accordo siglato con il Policlinico San Matteo riguardante i test sierologici per il Covid. L'ipotesi di reato è di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e peculato. DiaSorin ha ribadito "la correttezza del proprio operato e ripone piena fiducia nell’esito degli accertamenti che saranno svolti dall’Autorità Giudiziaria". Tra gli acquisti, Prysmian (+0,9%) che ha sottoscritto un accordo per l'acquisizione della canadese EHC Global per un valore di 130 milioni di dollari canadesi. Ancora acquisti sulle banche, guidate da FinecoBank (+1,5%), ma in testa al listino principale si è posizionata Buzzi Unicem con un balzo del 3,3%.