Italia Markets closed

Piazza Affari chiude in territorio positivo. In rosso UBI Banca

Alessandra Caparello

Chiusura con il segno più per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib segna +0,13% a quota 23.534,49 punti. Il contesto internazionale rimane caratterizzato dall'incertezza sulle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Dopo la notizia di ieri, secondo cui le controparti hanno raggiunto un accordo per l'azzeramento simultaneo di alcuni dazi esistenti che renderebbe più vicino il raggiungimento della "Fase 1" dell'accordo, l'entusiasmo si è smorzato nelle ultime ore.

Sul listino milanese l'attenzione degli investitori è stata tutta per le trimestrali, che anche oggi hanno animato Piazza Affari con i conti di Atlantia, Unipol, Ubi Banca, Fincantieri e Tim. Nel dettaglio Atlantia (+0,80%) ha annunciato di avere archiviato il periodo gennaio-settembre utile del periodo di pertinenza del gruppo pari a 1.312 milioni di euro, in aumento di 579 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2018 che si erano attestati a 733 milioni.

Trimestre in calo per Telecom Italia (+1,17%). Nel terzo trimestre dell'anno il colosso tlc italiano ha riportato un un ebitda organico di Gruppo pari a 2 miliardi di euro (-4,5% a/a), con un margine sui ricavi del 44,6% grazie alle azioni di contenimento dei costi. Battute di poco le attese di consensus che erano ferme a 1,97 miliardi. L'ebitda della business unit Domestic è stato pari a 1,6 miliardi di euro (-6,9% a/a) mentre l'ebitda di TIM Brasil è cresciuto del 6,8% a/a (+6,3% a/a nel secondo trimestre). Ubi Banca (-4,84%x) ha chiuso i primi 9 mesi dell'anno con risultato della gestione operativa cresciuto del 9,6% a 900,2 milioni di riflesso al buon andamento dei proventi operativi (+1,4% a 2.689,4 milioni) e alla riduzione dei costi (-2,3% a 1.789,2 milioni o -3,7% al netto dei contributi sistemici). L'utile netto contabile è calato del 9,2% a 191,05 milioni di euro. nel terzo trimestre l'utile netto contabile è stato di 60,1 milioni di euro dagli 1,6 milioni del terzo trimestre 2018 (e dai 48,7 milioni nel 2trim 2019). Il consensus di mercato per utile netto trimestrale era 72,8 milioni di euro (range 59-93 mln)