Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.630,67
    +294,00 (+0,88%)
     
  • Nasdaq

    12.981,87
    +201,96 (+1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    92,44
    -1,90 (-2,01%)
     
  • BTC-EUR

    23.392,34
    -325,40 (-1,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    570,72
    -0,56 (-0,10%)
     
  • Oro

    1.816,20
    +9,00 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,0269
    -0,0056 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    4.259,53
    +52,26 (+1,24%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8453
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    0,9667
    -0,0047 (-0,49%)
     
  • EUR/CAD

    1,3114
    -0,0057 (-0,43%)
     

Piazza Affari debole, nuovo balzo per Directa

·1 minuto per la lettura

I nuovi record di contagi spingono la prudenza sui listini europei. Nonostante effetti più lievi e ospedalizzazioni ridotte, Omicron continua a preoccupare gli operatori a causa delle conseguenze economiche di nuovi lockdown. In questo contesto il nostro Ftse Mib ha chiuso la seduta a 27.344,25 punti, -0,37% rispetto al dato precedente.

In cima al paniere delle blue chip troviamo le performance registrate da Inwit (+0,86%), Campari (+0,63%) e Amplifon (+0,66%). Prime posizioni anche per Bper Banca (+0,77%), spinta dall’accordo con i sindacati per l’ottimizzazione degli organici e dall’incremento dell’outlook a “positivo” da parte di Moody’s.

Nel comparto bancario, giornata di debolezza per l’accoppiata formata da Intesa Sanpaolo e UniCredit, in calo rispettivamente dello 0,28 e dello 0,29 per cento. Prese di beneficio per Cnh Industrial (-0,2%) spinta nelle ultime sedute dall’ammissione a quotazione delle azioni Iveco Group.

In rosso anche Stellantis (-0,9%), Nexi (-1,31%) ed Eni (-1%), con quest’ultima penalizzata dalla seduta altalenante del Brent, in rosso in corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa dello 0,5% a 78,3 dollari al barile.

Sul completo, nuova giornata di shopping per Directa Sim (+25,95% a 6,8 euro) che dal debutto del 22 dicembre ha più che raddoppiato il suo valore.

In rialzo nella prima parte, lo spread Btp-Bund ha terminato la seduta stabile a 134 punti base. (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli