Italia markets close in 5 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    25.434,35
    +78,20 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,08
    -57,75 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    70,27
    -0,29 (-0,41%)
     
  • BTC-EUR

    31.830,60
    -932,38 (-2,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    922,68
    -20,76 (-2,20%)
     
  • Oro

    1.815,50
    +1,40 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,1860
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     
  • HANG SENG

    26.426,55
    +231,73 (+0,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.144,51
    +26,56 (+0,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8512
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0725
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4861
    -0,0009 (-0,06%)
     

Piazza Affari debole, pesa dietrofront del greggio

·1 minuto per la lettura

Segno meno per le borse europee in scia di un comparto energetico indebolito dalle prese di beneficio sul greggio. All’indomani del nulla di fatto da parte dell’Opec+, che a causa delle divergenze tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi ha rinviato la discussione sui tagli all’output, il future sul Brent perde, dopo i massimi dal 2018, il 3,4% a 74,5 dollari al barile.

A Piazza Affari il nostro Ftse Mib ha chiuso a 25.227,92 punti, -0,84% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Btp-Bund ha fatto segnare un rosso di oltre 8 punti percentuali a 100 punti base.

Sotto i riflettori c’è ovviamente il comparto energetico: Tenaris ha terminato in rosso del 4,71%, Eni ha segnato un -1,78% e Saipem un -2,21%. Deboli anche le banche: Banco BPM ha lasciato sul campo il 3,15%, Mediobanca il 3% tondo, BPER Banca il 2,65% e l’accoppiata formata da UniCredit e Intesa Sanpaolo ha rispettivamente perso il 2,78 ed il 2,05 per cento.

Giornata di vendite anche per Telecom Italia, in calo del 3,19%. La società ha annunciato alcuni cambiamenti nella prima linea manageriale di vertice del Gruppo.

Denaro invece su Ferrari (+0,75%), Nexi (+1,11%) ed Enel (+0,44%) e lieve incremento di Amplifon (+0,39%) in scia della creazione di una nuova joint venture in Cina. (in collaborazione con money.it).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli